• maxoptical

La "marachella" di Monti e i 4 miliardi dati al Monte dei Paschi

di: Gianfranco Becchina - del 2013-01-14

Immagine articolo: La "marachella" di Monti e i 4 miliardi dati al Monte dei Paschi
  • La marachella di Monti La notizia non sorprende. Una conferma del fatto, ammesso che ce ne fosse stato bisogno, che nel gioco scorretto non si accenna a cambiare registro. Una nota di agenzia, infatti, informa che il governatore della Banca Europea, Mario Draghi, ha  bacchettato il governo italiano per aver concesso un  prestito di 3,9 miliardi di euro alla Banca  Monte  dei  Paschi. La ragione della reprimenda risiede nel fatto che l’operazione, secondo le  norme comunitarie, sarebbe dovuta passare per le autorità monetarie europee, le sole a  poter  decidere l’importante erogazione.

    Ovviamente, ormai che il guaio è avvenuto Monti si becca la strigliata e il Monte Paschi si tiene i  miliardi. Gioco vecchio! E così, si direbbe che  il nostro presidente del Consiglio,  fedele al disastroso  programma salva  banche, si sia distratto e abbia dimenticato di chiedere  l’indispensabile permesso.

    Non bisogna  essere troppo severi, una dimenticanza è quanto di più umano possa accadere ad una persona più  che impegnata a salvare  il sistema dilapidatore dei risparmi della gente: una fatica identica a  quella di Eracle, quando gli fu ordinato di ripulire le stalle di Augia dallo sterco dei buoi. Solo che  quella  fatica  Eracle la portò a termine con successo, mentre questa somiglia di più  a quella di  Sisifo,  condannato a  portare sulla sommità della montagna un enorme masso che rotolando  all’indietro in continuazione  lo costringeva a ricominciare la salita. Infatti, nel nostro caso i buoi  continuano a defecare e le stalle rimangono sempre zeppe.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

    Ma stanno veramente così le cose?  Riesce difficile immaginare una simile dimenticanza.  Tremilanovecento milioni di euro dei  contribuenti italiani, non sono quisquilie - o pinzellacchere  per dirla con Totò - tali da far prendere sottogamba i doverosi adempimenti legati all’operazione.

    Qualcosa non convince. E se, invece, i due draghi della finanza - Monti e il Draghi anche di nome - si fossero accordati alla chetichella e l’uno avesse detto all’altro: tu fallo senza dire niente; io, poi,  mi limiterò ad una tiratina di  orecchie e tutto finirà lì. Soluzione, discreta sì, ma in verità molto  poco lodevole se ti chiami Monti, sprizzi serietà ed aplomb da tutti i pori e dici di starci per salvare  il mondo.   A sentire Marco  Travaglio, “con quella somma si poteva fare a meno dell’IMU sulla casa”.

    Una  conferma supplementare che stiamo assistendo impotenti, magari liberi di strillare quanto ci pare,  alla salvezza delle banche, all’affossamento  del Paese e all’impoverimento dei cittadini. A proposito di banche, non si capisce come mai nessuna autorità ha finora messo il naso nei bilanci  degli istituti di credito compromessi con le folli operazioni speculative che hanno determinato  l’incalcolabile disastro. Giusto per passare al pettine fine tutte le loro scritture contabili, perché si  possa escludere che il paese stia mettendo le proprie risorse nel pozzo senza fondo di venditori di  fumo. Non fosse che per proteggere i cittadini che delle avventure speculative stanno pagando il  conto.

    L’Intendenza di Finanza, per esempio,  potrebbe occuparsene,  o  la magistratura, peraltro particolarmente attenta come sembra a quel che di poco chiaro avviene in Italia. Non è necessarioche, uno dopo l’altro, i magistrati si candidino nei vari schieramenti politici. Hanno  tutti gli  strumenti  per fare  molto meglio, codice alla mano, stando al loro posto.  Magari sospendendo  momentaneamente la conta degli orgasmi del Cavaliere, o di tutto ciò che produce fumo e solo  fumo.

     Ci sono priorità che non si possono  mettere sotto il tappeto, e che non  sono Ruby o  D’Addario. A stretto rigore di logica, non appare di certo tanto legittimo trasferire d’imperio una somma così  colossale di risorse, dai bisogni del Paese  ad un istituto di credito privato (e sottolineo privato). Una somma che regge il confronto con quella dei grandi casi di corruzione politica dalla nascita  della Repubblica ai giorni nostri. Scandalo petroli (regnante Moro) e Banca del Lavoro di Atlanta  messi insieme.

    Giusto per citarne qualcuno. Se tanto mi da tanto, nel caso Monti-Paschi stiamo parlando di danaro pubblico che viene prestato  alla cieca, con garanzie inesistenti. La banca in questione, infatti, si trova in condizioni di bilancio  tali che a qualsiasi altro imprenditore imporrebbero di portare, come si suol dire, i libri contabili in  tribunale. Il giusto indirizzo dove poter accertare eventuali violazioni del codice nella conduzione  aziendale.  Assolutamente tutt’altra cosa che  favorire un indebitamento insensato e contro la  legge.  

    Per chi dà e per chi riceve. E chissà, una volta  rimestata la faccenda, cos’altro si  snocciolerebbe sul conto di qualche altra grande banca … e via di seguito. Vengono i brividi, al solo  sospetto che sarebbero in pochi a salvarsi dal prevedibile Tsunami!. Abbiamo il diritto di  apprendere con chiarezza a chi si stanno  affidando i nostri soldi; la ragione vera e con quali  concrete garanzie. Il popolo deve ricevere spiegazioni serie e comprensibili. Sfrondate di furbizie e  secondi fini.  

    Per il momento si fanno apparire come sufficienti i pseudo controlli della Banca d’Italia. Tanto la  gente non sa che il nome pomposo di questo istituto, anch’esso privato e appartenente alle stesse  banche che controlla, non ha niente a che vedere con lo Stato italiano. Il controllore, insomma,  che controlla se stesso. Ovviamente nell’interesse strettamente privato,  giammai in quello dei  cittadini utenti. Il tutto  all’ombra di  inqualificabili e numerose  coperture istituzionali.  Di tutta  evidenza, per chi ancora nutrisse dei dubbi, l’interesse a scoperchiare  il vaso di  Pandora del  malaffare finanziario equivale allo zero assoluto.

    E intanto i vari candidati alle prossima competizione politica gareggiano a rifarsi il look. E le  spigolature fanno capolino. Pare che Casini, essendosi già bruciate le mani,  abbia detto che per  Monti metterebbe la lingua sul fuoco. Cos’altro gli rimane da grigliare alla prossima toppata? Il candidato Monti abbandonata la sua austerità si concede qualche battuta: ha citato Brunetta e  la sua “autorevolezza di professore … di una certa statura … accademica”. Gratta gratta, la natura  di chi si sforza di parlare con misura viene sempre fuori! Il deplorevole sarcasmo, più che far  ridere, ha sottolineato il livello  scadente del suo argomentare.  Oggi Brunetta, domani la  dabbenaggine del volgo ignaro.

    Qualcuno si è augurato  che Matteo  Renzi  vestisse i panni di un  Epaminonda della situazione.  Il  grande eroe tebano  che a Mantinea riprese in extremis, anche se ne era stato esautorato,  il  comando dell’esercito affidato ad incapaci, capovolgendo, da grande stratega quale era, le sorti  della battaglia che volgeva pericolosamente in favore degli Spartani. 

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti