• maxoptical
  • A3 rattan

Casa vuota? Ecco come risparmiare sulle tasse rispettando la legge

[ Modifica ]
[ Modifica Mobile ]

di: Antonino Pernice - del 2016-12-21

Immagine articolo: Casa vuota? Ecco come risparmiare sulle tasse rispettando la legge
  • La tassa sui rifiuti si deve versare periodicamente, anno per anno e si fonda sulla produzione dei rifiuti che contraddistingue una normale abitazione.

    Gli elementi che caratterizzano l’ammontare della tassa sui rifiuti sono:

    • il numero dei residenti, cioè del nucleo familiare che vive nella casa in questione;
    • la superficie abitativa della stessa.

    Per calcolare l’importo dovuto occorre tenere conto di tali elementi, ma, occorre guardare anche cosa prevedono i regolamenti comunali interessati.

    Vediamo cosa succede se la casa non è abitata.

    Si premette che:

    - la Tari è stata istituita, ed è attualmente disciplinata, dalla cosiddetta Legge di stabilità del 2014 (Art. 1, co.639 e 641 Legge 147/2013), approvata alla fine del 2013, secondo la quale, il presupposto di questa tassa è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani;

    - la citata Legge 147/2013 prevede, altresì, la possibilità, per i comuni, di stabilire esenzioni o riduzioni tariffarie della Tari, in alcuni casi specifici.
    Infatti, l’art.1, comma 659 Legge 147/2013, prevede che “Il comune con regolamento di cui all'art.52  D.Lgs. n.446 del 15.12.1997, può prevedere  riduzioni tariffarie ed esenzioni nel caso di:
    a) abitazioni con unico occupante;
    b) abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altrouso limitato e discontinuo;
    c) locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti aduso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente;
    d) abitazioni occupate da soggetti che  risiedano o abbiano la dimora, per piu' di sei mesi all'anno, all'estero;
    e) fabbricati rurali ad uso abitativo.”, oppure in tutti gli altri casi ritenuti opportuni dallo stesso comune.
    Infatti, l’art. 1, comma 660 Legge 147/2013, prevede che “Il comune può deliberare, con regolamento di cui all'art.52, D.Lgs. n.446/1997,  ulteriori riduzioni ed esenzioni rispetto a quelle previste alle lettere da  a)ad e) del comma 659.
    La relativa copertura può essere disposta attraverso apposite autorizzazioni di spesa che non possono eccedere il limite del 7% del costo complessivo del  servizio.
    In questo caso, la copertura deve essere assicurata attraverso il ricorso a risorse derivanti dalla fiscalità generale del comune stesso.”;

    - la giurisprudenza, più di una volta, ha affermato di riconoscere l’applicazione della tassa sui rifiuti, in tutti i casi ed indipendentemente dall’occupazione o meno dell’immobile tassato.

    Ad esempio, la Cassazione, con ordinanza  n.18022/2013, ha ritenuto legittima la pretesa del Comune di Bologna di applicare la tassa sui rifiuti ad un appartamento inutilizzato (In tal senso Cassazione sent. n. 16785/2002 – 9920/2003 – 22770/2009 – 1850/2010), rispetto alle quali, quelle contrarie, rappresentano una vera e propria eccezione.

    Lo stesso Istituto per la finanza e l’economia locale (IFEL), organo che fa riferimento all’Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI) ha precisato, in una nota del settembre del 2014, che la Tari è applicabile e dovuta sugli immobili, purché siano potenzialmente in grado di produrre dei rifiuti e quindi a prescindere dall’occupazione o meno degli stessi.

    In senso contrario, il Ministero dell’Economia e delle Finanze (nel 2013) ha raccomandato i comuni italiani di non applicare la tassa sui rifiuti agli immobili vuoti e privi degli allacciamenti alle varie forniture (acqua, luce gas).

    Ciò premesso, bisogna dire che molti Comuni sono dell’orientamento di non applicare la TARSU sugli immobili vuoti, non occupati e privi degli allacciamenti.

    Quindi, per essere sicuri di ciò, occorre consultare e verificare cosa prevede il regolamento del Comune interessato, consultando il sito internet dello stesso, oppure recandosi presso la sede istituzionale del medesimo per acquisire tutte le informazioni in merito.

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice