• A3 rattan

Progetto Erasmus Plus “Imprint+", l’Istituto “Cipolla-Pantaleo-Gentile” in Spagna

di: Comunicato Stampa - del 2017-04-20

Immagine articolo: Progetto Erasmus Plus “Imprint+", l’Istituto “Cipolla-Pantaleo-Gentile” in Spagna
  • Nel corso dello scorso mese, si è svolta, a Baza (Spagna), la terza mobilità relativa al progetto Erasmus Plus “Imprint+, che rappresenta motivo di orgoglio per l’intera comunità scolastica dell’I.I.S.S. “Cipolla-Pantaleo-Gentile” e per la dirigente Gaetana Maria Barresi, trattandosi di una iniziativa europea intersettoriale, riconosciuta dalle più alte sfere a livello di Comunità Europea, che coinvolge l’Università di Aveiro (seconda per prestigio in Portogallo); la Municipalità di Lousada, che occupa i primi posti nel paese per cura dell’ambiente e sostenibilità (Portogallo); E.N.T.E.R. di Graz, rinomata Società di Disseminazione Progetti Europei(Austria); Leave No Trace di Westport, Associazione ambientalistica irlandese, specializzata nel campo dell’istruzione, ampiamente conosciuta a livello europeo (Repubblica di Irlanda); IES “Pedro Montoya” a Baza, scuola impegnata in molteplici iniziative europee di successo in campo scolastico (Spagna); ed ovviamente l’I.I.S.S. “Cipolla-Pantaleo-Gentile”, scuola che ha attivato, nel corso degli ultimi anni, in modo lodevole, tutta una serie di percorsi formativi, volti all’internazionalizzazione ed alla crescita, a livello europeo, dei propri studenti, rappresentando, in tal senso, un polo di eccellenza nel territorio.

    In termini generali, il progetto ha l’obiettivo di rafforzare sinergie, connessioni e una migliore transizione tra diversi sistemi educativi, di formazione e nel settore giovanile. IMPRINT+ è basato su tre idee principali che agiscono quali linee guida e pilastri per la filosofia, gli obiettivi e la metodologia del progetto: Imparare – Agire - Collegare.

    Nello specifico, lo staff (coordinato dalla prof.ssa Anna Neri) e costituito dai docenti Francesco Saverio Calcara, Anna Maria Gucciardo e Anna Sammartano, si sta impegnando, in modo proficuo, nella realizzazione dei 9 prodotti intellettuali previsti per l’iniziativa, che sono già in parte disponibili nel sotto menzionato sito e che saranno completati, in inglese, entro il prossimo anno, con la traduzione nelle diverse lingue nazionali, incluso l’italiano.

    Questa la sintesi del rapporto di ricerca: una testimonianza multidisciplinare aggiornata; pacchetto di formazione per un corso di formazione certificato rivolto a insegnanti, tecnici e lavoratori nel settore giovanile; tutorial per la valutazione autonoma degli impatti ecologici e ideazione delle misure di compensazione; programma pilota; applicazione informatica (smartphone/tablet) per stimare l’impronta ecologica e suggerire misure di compensazione; piattaforma online con database associato e mappatura; pacchetto di disseminazione; tutorial per l’imprenditorialità giovanile nell’ambito della green economy; rapporto finale: IMPRINT+: contribuire a sviluppare un modo di ragionare ecologico nella società per mezzo dei giovani cittadini.

    Nello specifico della mobilità a Baza (Spagna), la settimana è ruotata intorno a 3 eventi diversi: implementazione del progetto; corso di formazione, che ha visto la presenza di Franca Faraci (docente della scuola); Caterina Bruscia (in rappresentanza del mondo della politica locale); Daniele Torrente (imprenditore in vista in ambito alberghiero locale, in rappresentanza del settore); Matteo Quartana (in rappresentanza di Houser e Legambiente – dopo la partecipazione, nel corso del precedente corso di formazione, del suo presidente, arch. Giuseppe Salluzzo); evento multiplo, a livello internazionale, cui hanno preso parte gli studenti: Aurora Russo e Nicolò Siragusa (4^ G) e Aurora Rizzo e Serena Prinzivalli (2^ I), quale delegazione della scuola, i quali hanno portato avanti il lavoro precedentemente svolto dai loro compagni: Ludovico Agate (4^ H), Michele Lanzoni (3^ E), Miriam Scirica (3^ C, Giovanni Prinzi e Umberto Vaiana (2^ G).

    La presenza di politici, imprenditori ed ambientalisti, assieme a docenti e studenti, si è rivelata estremamente interessante per una ricaduta positiva a livello locale e sarà ampiamente sviluppata, nei prossimi mesi, con iniziative varie, tra cui la Gestione Alberghiera Sostenibile (a cura del gruppo Torrente, proprietario degli alberghi Admeto, Alcesti e Althea e sponsor dell’iniziativa); la cittadinanza attiva; l’imprenditorialità giovanile nell’ambito della green economy, ecc…

    Il tutto confluirà in un evento molto ambizioso, che avrà luogo nei prossimi mesi, e che vedrà la nostra cittadina trasformarsi in una vetrina a livello internazionale con ospiti prestigiosi.

    Sito web: https://imprintplus.org (dove troverete anche l’app innovativa per le misure di compensazione, previa registrazione al sito).

    Facebook: https://www.facebook.com/erasmusimprint/

    Blog: http://imprintplus.blogs

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti