• a3 scuola rotolo
  • A3 coffe outlet

Da un articolo su Cnews.it ad una lezione in classe dedicata ai “giochi di ieri” tenuta da Pietro Errante

di: Redazione - del 2019-11-11

Immagine articolo: Da un articolo su Cnews.it ad una lezione in classe dedicata ai “giochi di ieri” tenuta da Pietro Errante

I giochi di ieri raccontati dai nonni di oggi. Questa la bella iniziativa dell’IC Salvatore Quasimodo di Gela ed in particolare delle classi 1C e 4B, le cui insegnanti Patrizia Sciascia e Chiara Sillitti, assieme a tutto il corpo docente, hanno promosso un bel progetto denominato i “Giochi di ieri” coinvolgendo nell’iniziativa una cinquantina di alunni delle due classi.

  • a7 fratelli clemente
  • A dare lo spunto iniziale è stato un articolo pubblicato qualche anno fa su Castelvetranonews.it dal titolo “C'era una volta 'lu zuppareddu' e 'l'ammucciareddu'. Quando si cresceva in strada giocando senza cellulari” (clicca qui per leggere) di cui le insegnanti hanno fotocopiato e distribuito un esemplare ai bambini e alle rispettive famiglie per coinvolgere nonni e nipoti in un bel progetto che potremmo definire “gioco-scuola”.

    Il successo è stato straordinario sia in prima elementare (ora si chiama scuola primaria) dove si è data priorità alla manualità e gestualità dei giochi degli anni passati.

    "Molti nonni, tra i quali anch’io per mio nipote Mattia di 1 C - racconta Pietro Errante, ex corrispondente del Giornale di Sicilia nonchè collaboratore di Castelvetranonews.it - siamo stati coinvolti in una baraonda di emozioni ricordando ed effettuando lu zuppareddu, il gioco dei bottoni, il gioco dei quattro canti, il fucile con la molla e tanti altri bei giochi degli anni 50-60-70. In 4 B , con bambini decisamente più grandicelli, si è svolto invece un proprio incontro durante il quale i giovani alunni hanno bersagliato di domande l’interlocutore di turno, nonché autore dell’articolo, cioè il sottoscritto.

    Debbo dire che questi alunni mi hanno davvero colpito per la compostezza, la preparazione e l’intelligenza dimostrata nel formulare domande corrette grammaticalmente e assai pertinenti nei contenuti.

    Che gioco preferivi da piccolo, con quanti compagnetti giocavi, dove giocavi, chi era il tuo miglior amico, come si diventa giornalisti, quanto costavano i giochi d’un tempo, perché adesso non esistono più gli spazi adatti al gioco in gruppo che serve a socializzare, a scambiare i propri sentimenti, a integrarsi nel contesto sociale di una comunità. Tutte domande di ragazzi di 9 anni poste in maniera garbata e con profondità di contenuti.

    Non posso nascondere, continua Errante, la mia emozione nel tentare di dare risposte a questi bambini tanto bravi ed educati, diretti splendidamente dalle proprie famiglie e dalle Maestre del modulo, tutte veramente all’altezza della situazione.

    Ed anche i più piccoli alunni di 1^ nonostante l’età ancora prematura hanno mostrato vivo interesse riprendendo i vari giochi con disegni, cartelloni, foto ed altro ancora. Per me sessantottenne, conclude Errante, è stato un bellissimo tuffo nel passato oltre che un piacere ed un orgoglio per aver suscitato l’interesse dei piccoli alunni. Perciò ringrazio di cuore per il cortese invito e mi ritengo disponibile per ogni eventuale altra iniziativa".

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

  • H2 conad
  • h2 gioielleria romano
  • A4 non solo sport autunno - inverno
  • a4-ke idea
  • A4 pizzeria golden queen
  • a4 lisciandra
  • A4 nicolas pizza
  • A4 Momotaro
  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti

    P1 Spazio disponibile