• A3 dottor Gianni catalanotto
  • cse a3

Festa di Carnevale al Capitol. Divertimento e tradizione. Letto "lu testamentu di li Nanni". Ecco il testo completo

di: Redazione - del 2020-02-26

Carnevale al Capitol organizzato dall'impeccabile Assunta Carlino. Riportiamo di seguito il testo del Testamento 2020.

  • clemente edilizia a7
  • Buona serata amici riveriti,

    saluto le signore e i lor mariti

    includo anche le “schette” e le “spartute”

    nonché le “ammartucate” e le “cornute”.

    Se c’è qualche finocchio qui presente

    Si ritenga ossequiato ugualemente.   

    Un benvenuto anche agli amici becchi

    Che siano giovanotti oppure vecchi. 

    Donna Luigia porge grati inchini

    Son della casa dei Pallavicini,

    famosa in tutta l’urbe e in questo ballo

    per esser “Mai Caduta Da Cavallo”. 

    Mi sono messa questo vestitino 

    Che è fatto un po’ di seta e un po’ di lino;

    le piume che vedete sul cappello, 

    non sono tutte dello stesso uccello. 

    Da queste parti oggi mi ha portato

    La donna che io chiamo “carro armato”,

    mia amica da molti anni risalente

    la scorza ha e la luce del diamante.

    Mi ha tuppuliato Anna Gelsomino

    Che riferì: ”mi manda la Carlino”

    Dici- chi fa raccami o puru cusi?

    Mi dissi Assunta quann ‘ è chi ti susi?

    Chi fa lu Nannu avà moriri sulu?

    Assunta dissi smoviti lu culu

    Chi da tanti anni semu muti pisci

    E lu Nannu ‘un mori e ‘un allivisci-“

    Assunta appi raggiuni di iccari:

    lu Nannu a niatri abbisugnà chiamari

    dissi- picciotti, senza vuatri du’ 

    ‘un campu ‘un moru e ‘un allivisciu cchiù.-

    Sono attempata, ovvero un’ex “bona”

    E non arrivo qui in prima persona:

    mi manda il sor Notaio, uomo facondo

    che raccolse del Nanno moribondo

    l’ultima volontade a questo mondo

    e che ha manifestato l’intenzione

    e fuor dall’orinale la minzione.

    Pi lu Nutaru lu Nannu era cunfusu

    Assunta dissi ora fazzu un pirtusu

    Chi lu Nutaru mi l’hai attruvatu

    Chi giustu giustu l’haju cca a latu

    Cu  ‘nna mazzata lu muru sdirrupà 

    E lu Nutaru Cancemi n’affaccià

    Beddu assittatu a la scrivania

    paria prontu chi aspittava a mia 

    E ci rissi signora buonasera

    S’accomodassi,  chi bisognu c’era?

    La potevamo fare un po’ più corta:

    Si tuppuliava ci rapria la porta!

    Ci dissi Nutaru si avi un momentu 

    Lu Nannu avissi a fari testamentu

    E lu Nutaru ci riri e la vasa 

    Picchì iddi sunnu vicini di casa 

    E rivoltosi al Nannu gentilmente 

    Gli disse ora vi ascolto attentamente:

    Con l’energia che ancora gli restava 

    Lu Nannu in questo modo ivi testava: 

    “io sottoscritto Nannu a Castelvetrano

    Residente di solito a lu Chianu

    Con il sigillo che il Notaio consente,

    sano nel corpo e pure nella mente

    con eccezione fatta per il pene,

    ch’è rotto, e delle palle che son piene,

    chiaro dispongo e serenamente

    come mi pare e piace, la seguente:

    Nipoti io vi voglio ringraziare

    Di intervenire qui al mio capezzale

    Sì sono moribondo ma non stolto

    Lu Nannu per quest’anno è anche colto

    Quindi ‘sta volta, non vi sembri strano, 

    il lascito lo lascio in italiano

    chè dopo le elezioni comunali

    una folla di fini intellettuali 

    invaso ha palazzo Pignatelli

    e finalmente sono tempi belli.

    Basta con i cialtroni disonesti 

    Che c’erano da noi prima di questi,

    analfabeti privi di intelletto

    con cui costretto ero a parlar dialetto: 

    Finalmente un consiglio comunale 

    Di grande levatura culturale,

    dell’ultima elezione è il risultato:

    Lu cchiù minchia tre volte è laureato,

    ora ci aspettan solo cose belle,

    evviva i professori a cimque stelle!

    Evviva i cinque stelle, il popolo lo grida

    Signori, complimenti, vinceste la corrida! 

    Notaio, io qui dichiaro in via ufficiale

    Che questo è testamento sol morale,

    testimoni mi siano “I”dei immortali 

    che non possiedo beni materiali

    e questo testamento è costituito

    sol da disposizioni spirituali,

    che per tradurlo a voi, visto l’andazzo, 

    chi veni a diri?  Chi ‘un vi lassu un cazzu!

    Però la situazione un po’ mi scuote,

    non volevo lasciarvi a mani vuote

    allora ho fatto come pare a me

    e me ne andai a cercare li tri re:

    ho pensato una mattina

    di Rebecca la vetrina

    dove spesso la mia Nanna compra

    splendida vestina e,

    lasciato un po’ lu chianu

    mi nni scinnu dda nni Tanu

    chi mi vinni la toletta e di sita la faretta. 

    Dissi “Tanu comu ha’ fari?

    Viri si mi po’  aiutari”.

    Tanu, ch’è picciottu d’oru e avi granni ducazioni

    Dissi “ Nannu ‘n sua persona sugnu a disposizioni”. 

    Lu Signuri ci lu paga, ma mi pozzu approfittari?

    Quarchi autru amicu strittu abbisognu disturbari.

    Mentri mi ja sfurniciannu 

    E ‘ ncigniannumi ‘mpinzeri, 

    lu pinseri ripinsatu mi purtà nna lu ‘ncignieri,

    un picciottu bonu veru e chi nun avi nuddu viziu 

    apparteni a li d’Antoni e di nomu fa Mauriziu;

    puru iddu, pi’ cuscenza  mi livà li cunfisioni

    senza rapiri la vucca si truvà a disposizioni.

    E accussì ‘ntempu di nenti M’attruvavu dù tarì 

    E dicia ‘nta la me’ menti Nun c’è due senza lu tri.

    Cu avi amici nun è poviru,

    si l’amici sunnu boni,

    e macari st’autra vota m’attruvavi a lu d’Antoni

    chi attruvari arrinisciu natri quattru boni amici

    pi paari lu Nutaru e jè  Nannu fu filici. 

    Cu campa ‘nta un paisi politica av’ha fari

    Picchì senza politica semu comu l’armali

    Però ‘nta stu paisi, fattu di genti boni 

    Quattru coccia cuntati ci sunnu di bestioni.

    E sempri ‘nta stu mezzu c’è qualchi tisu sparaciu

    Quarchi  cocciu di camula e quarchi piru frariciu;

    Pi curpa di stu fangu lu ministru s’ncazzà

    E la scheda elettorale ‘nta la facci nnì strazzà!

    E siccomu esti distinu chi ‘un am’ aviri abbentu

    niatri n’appimu assuppari puru un commissariamentu,

    riguardo al quale mi occorre un momento, 

    per l’antefatto dello scioglimento 

    prima del quale si ficiru ziti 

    la Rosy Bindi  cu Marco Minniti,

    mentre al comune sorgeva da zero

    la costruzione di un grande maniero 

    che il sindachino con le sue manone 

    tirava su massone su massone.

    Rosy ci aveva le turbe nervose

    Chè in quei giorni ci avea le sue cose 

    E disse a Marco per mettersi in mostra 

    Voglio distruggere cosa nostra.

    Marco, che ne era molto innamorato, 

    in un momento la ha accontentato.

    E Fava rincarava da lontano:

    io voglio sciogliere Castelvetrano,

    è già successo, non è un fatto nuovo

    ma tutto quest’ acido dove lo trovo?

    Minniti gli rispose sei un cafone

    Che in Europa porta confusione:

    Non si tratta di chimica fusione,

    è scioglimento d’amministrazione.

    E mentri tutti aviamu li manu a li capiddi 

    Nnì vinniru li Ieni, sparti di li chiattiddi.

    Ci dissi a lu ministru e ora chi facemu ?

    Minchia comu taliava, ci pensu e ancora tremu!

    Nni metti un commissariu  dintra lu vintitrì?

    Ma quali commissariu? Je vi nni mettu tri.

    Nun fu un divirtimentu, ma comu vosi Diu 

    Doppu quasi du anni sta camurria finiu;

    E nna santa duminica, doppu la Santa missa 

    A vutari si nni jeru li sperti cu li fissa.

    Campagna elettorale di veniri li nervi

    Però chi c’è di fari? Un sinnacu nnì servi.

    Grazie alla Provvidenza e al Salve O Mia Regina,   

    Un sinnacu spuntava dal nulla ogni matina. 

    Siccome le elezioni sono cosa importante

    Riprenderò linguaggio aulico e magniloquente:

    li ho appuntati tutti sopra il mio fido diario 

    e quindi ora propongo di essi il campionario: 

    Martire al martirio candidato 

    Epicamente si era circondato 

    D’esercito di fini professori 

    Come fu al “tempo che passaro i Mori”;

    Già s’avanzava verso gli ambiti banchi 

    Con un possente esercito di franchi,

    ognuno con gran copia di elettori:

    una folla di franchi tiratori.

    Mi ricordo l’elezione 

    Di Luciano Perricone,

    entusiasta candidato, col favore della brezza

    era dato  favorito al concorso di bellezza.

    E lui, molto emozionato, da esemplare concorrente,

    in finale era arrivato sopra il podio sorridente.

    Circondato dalle miss, nella City delle terme,

    della fascia già fasciato, sotto nudo come un verme.

    Quando il mite Perricone  pregustava l’elezione, 

    senza un filo di pudore, 

    s’avanzò il procuratore

    con un foglio stretto in mano 

    verso il trepido Luciano; 

    e nel foglio che gli lesse 

    c’era scritto, ahimè, così:

    “mio carissimo Luciano, 

    per te Miss Italia finisce qui!”

    Correva anche Vitalba Pellerito,

    Splendida fanciullina da marito

    Per un disegno oscuro ad ella stessa 

    Le venne in capo far la sindachessa,

    forse perché mancaron di spiegare

    in frettoloso agone elettorale

    che, se purtroppo il gatto può mancare,

    non tutti i topi possono ballare.

    Affrontava discorsi senza schemi,

    Lanciando acuti strali ed anatemi

    Stracciando tutti i giorni la mutanda

    Con un linguaggio estraneo ad un’ educanda 

    E quando l’urne erano già pronte,

    Confuse la Sicilia col Piemonte!

    Castelvetrano e Villar Perosa 

    Non sono esattamente stessa cosa;

    ci riprovi tra un po’ ragazza mia,

    per ora, rimandata in geografia. 

    A giocar con tutti gli altri la politica partita

    È spuntato all’improvviso Antonino Giaramita.

    A ogni male avea rimedio come magico speziale

    E voleva costruirci una base spaziale. 

    Tuttologo di fine competenza

    Mai di minchiate rimaneva senza 

    Di ogni discorso ne facea un palazzo

    Coi suoi ragionamenti fatti a razzo. 

    Leggero sia di arte che di parte,

    Al primo turno ritornò su Marte.

    Altri ce ne eran ma non li ricordo 

    Di solito del nulla me ne scordo.   

    Al fin Castelvetrano fece una bella cosa

    A primo cittadino elesse un fiocco rosa 

    Bravi concittadini! Si scriva alla colonna 

    Castelvetrano adesso per sindaco ha una donna!

    Allora saputello col suo parlare piano

    Intervenne il Notaio: Il sindaco è Enzo Alfano.

    Eh no signor notaio, errore qui vi coglie

    Il signor Enzo Alfano del sindaco è la moglie!/

    “Per correr migliori acque alza le vele

    Ormai la navicella del mio ingegno”

    Come mi insegna il buon Padre Dante

    Riguardo ad argomento più importante:

    Vi dicevo un consiglio comunale

    ‘Sta volta veramente eccezionale

    Costituito da fini dicitori,

    filosofi, scienziati e pensatori. 

    E a propositu di pensatori

    Chi mi spirugghiu prima chi scura

    A la signura di lu panificiu:

    mi l’avà fari nnà bedda cuddura? 

    A la signora Monica Di Bella 

    Vulissi darici ‘nna caramella

    Ma pi munnalla a lu picciliddu

    Ma ci la duna? Però, sapiddu …

    Ch’è comunista puru so zia

    Capaci chi idda si la pistia. 

    E a lu so amicu Marcu Campagna 

    lassu nna tigghia cu la lasagna

    chi l’haju taliatu, sarà lu cavuru

    ultimamenti mi pari nivuru. 

    Ma aviti vistu a Pasquali Calamia?

    Mi pari chi si persi pi la via. 

    Circatilu bbonu,addumati la luci,

    lassà a Crocetta e  carricà ‘na cruci!

    Lodi a Enza Viola, la consiglieressa 

    Su cui piovvero voti a catinelle, 

    a la Badia ci vota la badessa 

    e tutte quante le sue consorelle.

    A Peppe Curiale affido un rimorso

    E si ‘un ci piaci mi fa  ricorso.

    Stuppia solenne piglio principesco:

    fiutatelo, non sa proprio di fresco.

    Il vicesindaco Biagio Virzì

    Mi era sembrato così così

    Annoverrato fra miti persone 

    Però il ragazzo è un pò furbacchione

    Poichè ha stretto con la contessina

    Che con amore gli guarda la bambina.

    E chiudo qui il consiglio comunale

    Con una citazione in generale

    Ed il notaio su questa annotazione

    Mi ebbe a fare un’osservazione:

    su pochi membri s’appuntò il testare

    molti altri ne ha il consiglio comunale!

    Gli altri li ho pretermessi, che strano non vi sembri 

    Che è come dicevate qui trattasi di membri.   

    Riguardo ai membri, un giallo

    Si è appena consumato

    Che come tutti quanti 

    Di uno il sindaco è dotato

    ma giunse la notizia verso le ventitrè

    che avendo un solo membro 

    lui se n’è persi tre. 

    A sollevare Alfano da questo brutto tedio

    si vada a Casablanca a ricercar rimedio

    Vada a sud occidente, suggerisce il poeta   

    Chè quando perdi il membro Casablanca è la meta. 

    Comunque comu finisci si cunta

    Dopo il consiglio passiamo alla giunta:

    forse pi curpa di Biagio Virzì

    di l’assessura lu primu partì;

    l’autra matina appena agghiurnà

    Chiara a lu Nannu s’appresentà

    E pi la prescia mancu vistuta

    ‘n cammisa di notti e scapiddata,

    cu li tappini di genti scarsi,

    lu Nannu ci dissi “s’accomodassi”.

    Rispunni idda “no Nannu nun trasu,

    ivu a parlari cu ddù vastasu

    e mi nnì scappu sta sessa matina

    cu li niputi di la regina: 

    Mi fici veniri a Castelvetranu,

    Mi misi tuttu lu munnu ‘nchianu,

    je,  nobildonna, putia pinsari

    chi ‘nta stu ‘nfernu m’avia attruvari?

    Le prime dimissioni ad Enzo Alfano

    Non potti presentarle in italiano 

    Chè non le studia le lingue Enzino

    E ancora parla in Agrigentino 

    E quannu parla,

    nun parla chiaru

    Pari di sentiri arrè a Cuffaru

    Ma io, contessa Donà delle Rose,

    gli misi bene in chiaro le cose:

    haju travagghiatu finu a li tri

    pascia a la figghia di Biagiu Virzì

    e mi faciavu lavari li piatta

    v’haiu pittinatu puru la atta

    e vi purtavu li figghi a la scola

    e vi munnava patati e citrola e li citrola,

    non se lo scordi, 

    vi l’accattava cu li me sordi;

    v’haju lavatu puru li peri

    ‘un m’ha paatu lu parrucchieri,

    quannu vi fici la cena in rosso

    vi priparavu lu broru cu l’ossu

    (cu ddu rran cavuru chi si muria

    E iddu accurnatu chi lu vulia)

    E ghiri e veniri di iornu e di sira

    Paria chi fussi la so cammarera

    E mi ittastivu mmezzu la fezza

    E mi faciavu passari la pezza

    Na manu n’avanti e una n’arrè

    E tutti cosi a spisi me.

    St’jornu ci dissi je sugnu contessa

    E finalmente mi sono dimessa!

    Cu l’autri assessura continua la festa

    Almeno pi ddù picca chi n’arrestra:

    L’assessore Manuela Cappadonna

    Che dicono chi travagghia a la posta

    Quannu l’avutru iornu la ‘ntisi parlari 

    ci vuciavu a Maria “chiudi la busta!”   

    All’assessore Barresi Irene 

    Consiglio di non darsi tante pene

    Chè se di pene si deve trattare 

    Senz’altro è meglio farselo dare. 

    Di questi nessun altro me ne piglio

    Poiché son membri come nel consiglio.

    Continuino manifesti i miei affetti

    Per i pochi nipoti prediletti:

    A Santu Saccu rivolgo un salutu

    Chi peri peri arrè l’haju ‘ncuntratu:

    macari avia statu proccupatu

    “Santu, curuzzu me, ma dunni ha statu?”

    Mi dissi “Nannu sugnu malatu, 

    la sira all’ottu sugnu curcatu”.

    Lola, bella acconciatrice, di recente ha preso un treno 

    E veloce è arrivata dritta dritta su Sanremo.

    S’ è portata le mollette e la lacca e i bigodini

    Orgogliosi  la plaudiano tutti i suoi  concittadini

    Però il dramma era in agguato nel bel mezzo di una sera 

    Morgan e Bugo hanno ingaggiato una rissa proprio nera 

    Che è accaduto? Che è successo? 

    Forse Bugo è andato al cesso?

    Ma non c’entra proprio un Bugo questo povero cantore

    Che solo la bella Lola è la causa del livore 

    Quando Morgan si è veduto strapazzato e scapiddato

    Disse Lola, santi numi,  ma come m’hai combinato?

    E po’ cu Bugo si la scuttà/ , ma tutta Lola la cuminà.

    E vi sembrava che fosse stanca?

    La parrucchiera con mano franca 

    Puru a Filardo vulia scattiari

    Però Maurizio fù lesto è tosto 

    A andare a vincere il primo posto 

    E sorridente sul rettifilo ci rissi 

    Lola ‘un naiu mancu un pilu!

    All’attore Ferracane  Qui senzaltro va augurato 

    Un bel film del tutto nuovo 

    Che sia proprio ben girato

    E  questo capolavoro va senz’altro intitolato 

    A Fabrizio Ferracane, uomo troppo arrapacchiato.

    Alla signora  Pinuccia Corda 

    Un prestito io  faccio se lo vuole

    Siccome da molti  anni per il corso 

    Va avanti e indietro a  consumar le suole 

    Io presto un monopattino e un diretto 

    per andar di negozietto in  negozietto.

    A lu Niputi Cicciu Puleu

    Di siminatu ci lassu un feu

    E un microfunu astutatu

    Chi parla fora lu siminatu. 

    A lu beddu Peppe Salernu 

    Lu Nannu lassa ricordo eterno 

    E la sula gran vasata 

    Di sta gran carnevalata ,

    e stabilisci chi pi sempri vali 

    chi ogni annu pi ogni carnevali 

    a Peppi un lassitu sia lassatu 

    pi esseri pi sempri ammintuatu. 

    A me niputi Eliu Indelicatu Ci dissi

    – Gioia mia chi vo’lassatu?

    E iddu, chi ha statu scannaliatu,

    Mi rispunnì _- assà mi metti  di latu,

    chi seru ‘mpizzu comu unu cacatu

    e sempri  all’urtimu m’haju allagnatu.

    E cu rispettu parlannu, a vossia 

    Mi mettu a priari a Santa Rusulia. 

    Qui di Quarrato ho la fotografia,

    uomo sciarriatu con l’ortografia,

    però il Signore misericordioso

    la penna biro gli mise a riposo;

    ora un teatro da poco gestisce 

    a cui la fama d’altri impallidisce 

    ma si arrè torni a fari lu scrivanu

    Alessà,  ti fazzu cariri li manu. 

    Ad Enzo Bucca viene consigliato 

    L’utilizzo di mezzo cingolato:

    così il sabotatore da strapazzo 

    le ruote gliele taglia co ‘sto cazzo.

    A tutti li parrini cu tutti li parrocchi 

    Lassu sutta la tonaca miliuna di pirocchi.

    A li carabineri cu tutta la polizia 

    Appizzata a dda cosa lassu nna microspia 

    In modu  chi quannu indaganu dintra un postu scurusu

    Rinescinu a taliari dintra ad ogni pirtusu. 

    talianu sulu avanti picchì pi lu darrè 

    in casu di bisognu c’è Giovanni Cecè.   

    Ai pescatori di Selinunte, 

    il cui travaglio non è transeunte,

    che non respirano a pieni polmoni

    e che di alghe hanno pieni gli arpioni,

    l’avvertimento mio non è morbido:

    qui c è qualcuno che pesca nel torbido,

    che fa a tre sette però senza il morto,

    che, per diporto, li prende per il porto.

    Di ognuno di questi anni in cui non ho testato 

    Importanti ricordi nel cuore ho conservato. 

    Quando è venuto Gigino Di Maio

    Qui era da poco successo un guaio:

    la bomba d’acqua aveva lasciata 

    la Città sporca e tutta scassata;

    le 5 stelle gli dissero: “Gigi,

    tu che sei uomo di grandi servigi  

    che hai altissimo senso di Stato,

    questo disastro va riparato;

    Gigi rispose alla presa d’assalto

    “Amici miei, non mi intendo d’asfalto 

    Se le buche da voi riparerete, 

    io porto la coca cola e le aranciate”.

    Un giorno di giugno  fù organizzato 

    un corteo lungo e legalizzato

    del quale il nome fu un po’ curioso:

    “Sono Castelvetranese non sono mafioso”

    e giusto in coda dentro il corteo 

    s’era introdotto pure Matteo

    che di rimando lì li riprese: “Sono mafioso non castelvetranese” 

    Ogni tanto sentivo le sirene

    Perché lo Stato a noi ci vuole bene

    A chiddi chi si paranu la panza

    A turnu ci riala ‘nna vacanza, 

    E poiché siamo in tema di regali

    Ricordo le cartelle esattoriali.   

    Noi siamo cittadini di gran classe

    E da noi non si pagano le tasse 

    Di rado ci passiamo dalla banca 

    E voi mi chiederete:” e’ zona franca?”

    Vi prego, qui si rischia un gran pasticcio: 

    Franca non so, però fu zona Ciccio. 

    Con riguardo all’ospedale

    Vostro Nannu ha la risposta

    All’arduissima questione 

    Che si pone della sosta.

    Vergognoso è che un dottore 

    Vi parcheggi per ore e ore,

    che feriti ed ammalati 

    sian così maleducati   

    da non giungere appiedati con dispregio del cartello 

    tanto caro al sor Marcello:

    se volete che più spazio 

    metta fine al manicomio, 

    suggerisco immantinente

    sdirrupate il nosocomio.

    A tutti i giornalisti sparlitteri

    Chi vennu di continuo peri peri

    E chi vulissiru pigghiari li spisi

    Sulu sparlannu a lu me Paisi,

    A cu vinni prima e cu verrà doppu 

    A riminari mmerda cu lu sgroppu 

    Ci dicu ora prima chi moru

    Chi l’intervista la fannu a so soru. 

    A Biagio Sciacchitano, di Triscina vedetta,

    Ci vogghiu cunsignari na’ scupa e na’ paletta 

    Pi cogghiri li tozza e li balati

    Di li casi chi foru sdirrupati.

    Basta! chi m’abbisognu spirugghiari,

    l’ Eguagliatrice sentu tuppuliari

    e mentri mi priparu pi abbruciari 

    vuatri priparativi a ballari 

    prima di l’occhi chiuriri 

    je vogghiu ringraziari 

    a li suli fimmini chi mi vosiru abbarari

    chi la Carlinu e la Gelsominu

    st’annu  mi ficiru un beddu… fistinu. 

    Ci vediamo un altr’altro anno a Dio piacendo

    intanto un buon consiglio ve lo rendo 

    nel caso in cui foste poco decisi

    sul modo di passare st’autri misi: 

    A tutte le signore del paese

    Vo’ consigliare trenta volte al mese

    L’incontro ripetuto con lo scettro

    Ch’è simbolo di Priapo ed è il suo spettro;

    consiglio che lo scettro sia contorto

    chè più efficace vi sarà il conforto

    e a tutte garantisco in fede mia

    la guarigione da ogni malattia. 

    E anche ai maschi, fuori d’imbarazzo

    Un consiglio io do, visto l’andazzo:

    a volte, cari amici, vi conviene

    anzicchè darlo male, prenderlo bene!

    Infine vi rinnova grati inchini 

    Donna Luigia dei Pallavicini

    E dopo di lu Nannu questa predica

    Si permette di chiudere con dedica: 

    “Al professor Calcara  che ha ascoltato,

    lascio un oggetto che non ho citato

    non ho citato e che non cito ancora

    perché sono pur sempre una signora;

    ma egli ,che è persona perspicace

    ed è proprio per questo che mi piace

    sappia che è un di quei crin

    che qui da noi tirano più del carro e più dei buoi.”

    Assunta pigghia un bucali di vitru

    Chi cu s’affenni nni paa mezzu litru. 

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

    p1 villa catalanotto