• cse a3
  • A3 dottor Gianni catalanotto

“La fuga al posto di blocco, l’inseguimento e una terribile paura. Chiedo scusa”. Parla il giovane inseguito in strada dalle Forze dell’Ordine

del 2020-03-18

Un momento dell'inseguimento dei Carabinieri ieri sera

In foto: Un momento dell'inseguimento dei Carabinieri ieri sera (ph. Castelvetranonews.it)

“Sono sinceramente addolorato e pentito di quello che è successo”. E' questo il sentimento del 26enne castelvetranese A.D., il quale ieri sera, intorno alle 22.30, non si è fermato all’alt dei Carabinieri ed è stato inseguito per le vie di Castelvetrano nel quartiere “Palma” fino ad essere fermato alla presenza di numerose pattuglie di Polizia e Carabinieri.   

  • clemente edilizia a7
  • Il giovane, in un verosimile momento di panico, ha avuto un colpo di testa che non dovrà mai più ripetere. 

    Verso le 22.00, non ce la faceva più a stare a casa ed è uscito per comprare delle sigarette. Dopo aver fatto rifornimento di carburante, si è trovato davanti ad un posto di blocco in via Campobello ma ha fatto una manovra repentina per scansare le Forze dell’ordine che si sono insospettite ed è partito l’inseguimento. 

    Il giovane si è fatto prendere dal panico perchè senza senza autocertificazione e avendo paura di una contravvenzione è scappato.

    Alla base della fuga, ci sarebbe stato quindi un momento terribile di panico: attimi in cui il giovane non avrebbe riflettuto sul fatto che poteva firmare un’autocertificazione fornita dalle stesse Forze dell’ordine.   

    Durante la fuga si è diretto verso l’abitazione dei genitori che nel frattempo aveva avvertito di cosa stava succedendo. Il ragazzo è molto dispiaciuto soprattutto per i genitori e si dice pentito e amareggiato per quello che definisce un colpo di testa.

    Molta la paura dei residenti dell'area in cui ha avuto luogo l'inseguimento, sconvolti dalla folle corsa del giovane e dalla presenza di quattro volanti dei Carabinieri e successivamente anche della Polizia, intervenuta a supporto dell'azione di fermo al fuggitivo. 

    Sarebbe stato sentito anche uno sparo sia dal giovane che dai residenti. Il proiettile, stando alle foto che girano sul web, avrebbe centrato anche una finestra. Un cittadino ha anche chiamato i Carabinieri per rendere noto il fatto. Dai Carabinieri di Castelvetrano fanno sapere che non è stato esploso alcun colpo dalle pistole di ordinanza. 

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

    p1 villa catalanotto