• cse a3
  • A3 dottor Gianni catalanotto

"Tra virus, crisi e disoccupazione in Sicilia. Quale futuro per noi giovani?" Lettera aperta di una giovane cvetranese

di: Redazione - del 2021-04-16

Immagine articolo: "Tra virus, crisi e disoccupazione in Sicilia. Quale futuro per noi giovani?" Lettera aperta di una giovane cvetranese

Pubblichiamo la riflessione della giovane lettrice Lidia sulla situazione attuale e in generale su cosa voglia dire vivere oggi da giovani in Sicilia. Questa le sue parole:

  • scarpinati a7
  • "Facebook mi chiede: a cosa sto pensando? Beh oggi vorrei parlare e non rimanere più in silenzio  rivolgendo il mio pensiero a tutti noi giovani della Sicilia in particolare di Castelvetrano che  stiamo vivendo una situazione molto particolare, per il virus, ma penso anche che esso sia stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso!

    Lavoro?

    Il lavoro qui è solo un soffio di vento... pensieri, paure, dubbi e sofferenza ci affliggono dovendo ammettere ogni giorno che difficoltà ci sono per trovare un misero lavoro, per poter stare qui nella nostra terra, accanto alla nostra famiglia creandoci anche noi stessi la nostra di famiglia; e dover ammettere a noi stessi, ogni giorno, con amara tristezza che le opportunità ci sono ma fuori, che la famiglia te la puoi creare ma stando lontano da tutti i tuoi cari, è un dolore sempre più profondo!!! 

    Sento ogni giorno amici che non riescono a crearsi un futuro, che se trovano lavoro hanno uno stipendio misero, sottopagati, sfruttati. 

    Ma cosa chiediamo noi giovani?

    Semplicemente dover lavorare con dignità senza sottomettersi alle assurde regole che alcuni si permettono di fare, io giovane castelvetranese non voglio stare più in silenzio e accettare che il mio ragazzo, la mia amica, il mio vicino, mia cugina ecc... debba lavorare per poco e rimanendo pure in silenzio per poi prenderci l'appellativo di: "voi giovani non volete lavorare ..." 

    Sapete voi Adulti responsabili quanti pensieri ogni giorno ci facciamo noi giovani? Con quale stato d'animo si affronta tutto questo? Con quale tristezza dobbiamo accettare certe proposte perché purtroppo c'è chi ne ha di bisogno?

    Osservo Castelvetrano ogni giorno e mi piange il cuore vederla così spenta, così sporca.

    Io tengo al mio paese, io amo la mia terra, amo la gente che abita qui, amo tutto ciò che ci circonda ma devo assolutamente ammettere che voi adulti con il vostro modo di fare, con la vostra indifferenza non ci state aiutando per niente anzi ci state convincendo sempre di più, ancora una volta, ad andare via da questo misero e povero paese!

    Con questo voglio dirmi e dire a noi giovani ce la faremo non dobbiamo mollare!"

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

    p1 villa catalanotto