• A3 dottor Gianni catalanotto
  • a3 2022 cse
  • a3 generali

Castelvetrano, molti beni ex Grigoli distribuzione sempre più soggetti a furti e vandalismi a causa dell’abbandono

di: Redazione - del 2022-09-06

Arrestati due rumeni sorpresi a rubare del ferro in un capannone appartenente all’ex imprenditore Giuseppe Grigoli. Urge la necessità che i suddetti capannoni (una volta deposito Despar) e uffici e non solo questi, vengano messi in produzione come è avvenuto anche per il Centro Commerciale Belicittà. I Carabinieri della Compagnia di Castelvetrano hanno arrestato due soggetti per furto aggravato in concorso.

  • clemente a7 novembre 2021
  • Durante i servizi eseguiti dai militari dell’Arma, sono stati sorpresi due romeni di 32 e 37, intenti a caricare sull’auto di uno dei due del materiale ferroso di vario tipo, per circa 500 kilogrammi di peso. Il furto avrebbe fruttato circa 4 mila euro. A seguito di giudizio direttissimo, i due arresti sono stati convalidati, disponendo ai i malviventi gli arresti domiciliari, mentre la refurtiva è stata riconsegnata all’avente diritto, in pratica all’Agenzia del Beni confiscati ala mafia.

    Negli anni passati ci sono stati altri furti anche di olive degli alberi piantati davanti ai capannoni. Una guardiana avrebbe assicurato, fino a poco tempo fa, la presenza continua di personale. Nell’aria attigua ai capannoni rimangono ancori rimorchi e furgoni di camion, ormai ridotti a rottami.

    Si era parlato anche di potere riqualificare i capannoni per ospitare gli extracomunitari stagionali, ma poi l’idea è tramontata. Un vero e proprio impero confiscato già all’ex re dei supermercati nel settembre del 2013, per un valore di circa 700 milioni, confisca confermata nel 2016 dal verdetto della Corte di Appello.

    La lista delle società, su cui sono stati posti i sigilli, comprendeva il capitale sociale e il complesso dei beni aziendali della “Grigoli distribuzione s.r.l” (353 unità immobiliari tra fabbricati, magazzini, depositi e terreni); il capitale sociale della “Gruppo 6 G.d.o. Srl”, che gestiva direttamente 43 punti vendita con marchio Despar / Eurospar / Superstore / Interspar, e altri 40 punti vendita affiliati Despar in provincia di Agrigento e Trapani; le quote di partecipazioni nelle società: “Società di gestione centro commerciale Belicittà a r.l”; “Ga.Gi.Vi. s.r.l.” (Canicattì), “Alimentari Provenzano s.r.l.” (Giardinello); le quote societarie nella “Despar Italia Consorzio a r.l”; “Frantoio di campagna srl”; “Grp srl; “Olio & oliva spa”; “Seal srl”; “Special fruit srl”; “Unica consorzio a r.l.”.

    Solo una minima parte degli immobili è stata affidata a terzi, per il resto solo abbandono.

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

    p1 proposte d'arredo gulotta