• A3- RATTAN
  • maxoptical

Un Direttore per il museo etno-antropologico e tariffe d'uso per l'auditorium comunale. Via alla regolamentazione

di: Redazione - del 2018-02-13

Approvato il regolamento per il piano di gestione e valorizzazione del museo etno-antropologico "Francesco Simanella", sito nei locali posti a piano terra della Collegiata di Maria, nella Piazza Carlo d'Aragona e Tagliavia.

Il museo nasce nel 2014, avvalendosi del coordinamento scientifico e della competenza antropologica messi a disposizione dell' Associazione "Culturart". Nel 2015 viene poi intitolato a Francesco Simanella, primo Sindaco della Città, eletto nell'immediato dopoguerra il 9 aprile del 1946, rimasto in carica fino al 12 dicembre 1949.

Si tratta di un'istituzione permanente, senza scopo di lucro, che potrà essere gestito direttamente dal Comune o da soggetti esterni tramite apposito contratto di servizio. In tal  caso, l'Ente dovrà provvedere, non oltre alla gestione del servizio, anche alla manutenzione e all'amministrazione ordinaria dell'immobile. La manutenzione straordinaria dell'immobile sarà invece a carico dell'Ente proprietario del bene. Dovrà essere assicurata anche una custodia adeguata dei locali e dei beni del museo.

Il finanziamento del museo avverrà mediante fondi del bilancio comunale, oppure con eventuali contributi e sponsorizzazioni di privati cittadini e/o associazioni. 

Il Direttore del museo verrà selezionato dall'amministrazione comunale, fra gli operatori museali che già fanno parte della struttura. Questi ultimi potranno essere individuati fra i membri del personale comunale oppure selezionati tramite accordo con un'associazione o cooperativa. Mentre il Direttore si occuperà della gestione tecnica del museo, della sistemazione dei locali, del coordinamento delle attività culturali e didattiche, degli inventari, e così via, il personale del museo curerà il servizio di biglietteria, l'assistenza al pubblico, nonché la sorveglianza delle sale espositive.

E intanto si pensa anche all'auditorium comunale "Ninni Fiore", sito in via Giuseppe Garibaldi, che ad oggi era ancora sprovvisto di un regolamento di gestione. L'auditorium non è nient'altro che l'edificio dell'ex chiesa Sant'Agostino, che è stato fino a questo momento utilizzato come auditorium comunale da gruppi, associazioni, enti e privati, nonché per la celebrazione di matrimoni civili, e anche per altre occasioni private. 

Con l'approvazione del regolemento si proverà a rispettare la destinazione d'uso del bene, allo scopo di promuovere la crescita democratica, culturale, sociale e civile dei cittadini e offrire loro occasione di studio, ricerca, aggregazione sociale e confronto culturale.

L'Auditorium verrà comunque sempre concesso a gruppi, associazioni, società o privati che ne faranno richiesta scritta e motivata, da presentare al Servizio competente, dietro pagamento delle tariffe d'uso.

La concessione degli spazi seguirà l'ordine cronologico di presentazione delle richieste: l'ufficio preposto, infatti, terrò un calendario di utilizzo della struttura e provvederà a istruire le richieste pervenute in tempo utile, verificandone  la compatibilità e la disponibilità dello spazio e predisponendone tutti gli atti conseguenti.

I locali verranno concessi in uso gratuito per attività organizzate dal Comune o dai soggetti che gestiscono un servizio pubblico per conto e nell'interesse dell'Amministrazione comunale o per quelle in cui la partecipazione dell'ente preveda un rapporto formale di collaborazione, centrato su uno o più progetti comuni o complementari; per iniziative di particolare rilevanza sociale o culturale promosse da altri Enti pubblici; per manifestazioni ed iniziative promosse dagli Istituti scolastici statali, parificati e
riconosciuti e dalle Università; per attività di partiti politici nel periodo elettorale sulla base della normativa vigente in materia. Sarà inoltre prevista una riduzione del 50% della tariffa intera per le iniziative non aventi fini di lucro e che hanno di particolare rilevanza sociale o culturale organizzate dalle Associazioni.

Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

P1 - Proposte d'arredo