• A3 dottor Gianni catalanotto
  • a3 generali

(VIDEO) Il muraglione di Selinunte sempre più a rischio crollo. Importanti le lesioni

di: Redazione - del 2022-09-21

Sempre più crepe lungo il muraglione di Marinella di Selinunte. In stato di abbandono da tanti anni sono evidenti le lesioni visibili nel video realizzato da Rosario Franco per Castelvetranonews.it.

  • clemente a7 novembre 2021
  • È concreto il rischio di finire a mare, con conseguenze che potrebbero essere veramente gravi per le abitazioni che si affacciano sulla via Scalo di Bruca, che porta nella zona del porto. Si tratta di una grossa opera muraria in pietrame a gravità, che è resistita fino ai nostri giorni ma da un decennio parte dello stesso manufatto si è coricato su un lato.

    Le forti mareggiate, che trovano facile accesso ai piedi del muraglione a causa della mancanza di idonei frangiflutti, hanno fatto già probabilmente precipitare alcuni basolati di marmo che ne coprono la parte alta, mentre pericolose crepe con perdita di materiale si vedono nella spiaggia sottostante, presa d’assalto dai bagnanti durante l’estate.

    Questo muraglione a secco fu realizzato nel 1952, in quanto i tecnici di allora e l’amministrazione capirono che il costone argilloso doveva essere frenato, visto che iniziava a crescere l’insediamento urbano in quel sito.

    Negli anni 80 fu realizzato un muro di cemento armato nelle vicinanze dello stesso muraglione, sotto piazza Efebo, anche se tale intervento non sembra essere stato sufficiente a fronteggiare le situazioni di dissesto che, anche in quel punto, minacciano la stabilità del pendìo che degrada verso il mare.

    Negli anni 2001-2002 c’era pronto un finanziamento di quasi cinque miliardi delle vecchie lire, che doveva servire, dietro progetto redatto dai tecnici comunali, a fronteggiare l’emergenza dello scivolo a mare dello stesso muraglione, ma non se ne fece niente.

    Ph. Rosario Franco

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter