• a3 scuola rotolo
  • A3 coffe outlet

Due pony sull'A-29 e due auto distrutte. La Corte di Appello dà ragione ad un salemitano e condanna l'Anas

di: Elio Indelicato - del 2019-10-07

Immagine articolo: Due pony sull'A-29 e due auto distrutte. La Corte di Appello dà ragione ad un salemitano e condanna l'Anas

La Corte di Appello di Palermo, sezione prima civile, presidente Antonio Novara, ha condannato l’ANAS al risarcimento dei danni nei confronti di un automobilista che nel 2011 si era scontrato con un cavallo in autostrada.

  • a7 fratelli clemente
  • La Corte, infatti, ha accolto l’appello proposto dal salemitano A.V.di 40 anni, condannando l’Anas al risarcimento dei danni per circa 20.000 euro. I fatti risalgono al 13 febbraio del 2011. Lo stesso nelle prime ore della mattina, mentre transitava sulla A29 in direzione Mazara del Vallo, con la sua Lancia Y, subito dopo l’uscita per Santa Ninfa, giunto al Km 83,150, investiva, suo malgrado, un pony che si trovava sdraiato in mezzo alla carreggiata.

    L’impatto è stato inevitabile, considerato che era notte, l’autostrada in quel tratto non era illuminata. A causa dello scontro l’automobile si bloccava e il conducente, ferito, scendeva per chiamare i soccorsi, quando improvvisamente un altro automobilista B.S a bordo di una Fiat 500, andava ad impattare con un altro pony sempre sulla stessa corsia e a seguito dell’impatto con l’animale, tamponava la Lancia Y del salemitano.

    Sul posto, poi, arrivavano due ambulanze, la Polizia stradale di Alcamo e un veterinario che ha dovuto abbattere uno dei pony ancora agonizzante. Visto il rifiuto dell’Ente proprietario della strada di provvedere al risarcimento richiesto, il V.A, assistito dall’avvocato Francesco Salvo, ha citato in giudizio Anas.

    La causa iniziata nel mese di ottobre del 2011 presso l’allora sezione distaccata di Castelvetrano, si concludeva con una sentenza negativa nel 2014. Secondo il Tribunale, infatti, l’ANAS non era responsabile del sinistro, per cui l’automobilista era stato condannato anche al pagamento delle spese legali.

    Per questo motivo lo stesso ha deciso di impugnare la sentenza, i cui motivi sono stati condivisi dalla Corte di Appello di Palermo, che ha ribaltato la sentenza del tribunale, atteso come precisa l’avvocato Francesco Salvo di Salemi: ”che l'ANAS è l'Ente tenuto a gestire la rete di strade e autostrade di proprietà dello Stato e a provvedere alla sua manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché a realizzare il suo progressivo miglioramento, ne consegue che essa risponde dei danni sofferti dagli utenti per omessa o cattiva manutenzione, ai sensi dell'art. 2051 c.c.”.

    Ci sono voluti ben 8 anni per riconoscere al conducente della Lancia il proprio diritto, ma alla fine il giusto ristoro è arrivato, circa 20.000 fra danno materiale, personale, interessi legali e rivalutazione monetaria.

    Il Tribunale di Marsala in primo grado aveva disatteso le richieste risarcitorie, in quanto non avrebbe accertato l’esistenza del rapporto eziologico tra la cosa e l’evento lesivo. Resta un mistero, da dove i due pony non microcippati, siano entrati in autostrada, non si esclude che abbiano saltato la recinzione della stessa autostrada, che in alcune parti sembra essere più bassa.

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

  • H2 conad
  • h2 gioielleria romano
  • a4 lisciandra
  • A4 Momotaro
  • A4 non solo sport autunno - inverno
  • a4-ke idea
  • a4 - antiche tradizioni
  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti