• A3 dottor Gianni catalanotto
  • cse a3

La mia ricetta è: Arancina ripiena di finocchietto selvatico, caciotta del Belice, asparagi selvatici e non solo

del 2020-12-27

Questa nuova ricetta è nata dall'instinto del nostro Chef Sebastiano Leo, che ha voluto realizzare un'arancina con i nostri prodotti locali, a km zero.Tutti ingredienti tipici che messi insieme hanno dato un risultato grandioso.

  • scarpinati a7 giugno
  • Una specialità tutta da gustare. Arancina ripiena di finocchietto selvatico, caciotta del Belice, asparagi selvatici e cubetti di pancetta di maialino locale.

    Arancina ripiena di finocchietto selvatico, caciotta del Belice, asparagi selvatici e cubetti di pancetta di maialino locale.  Per preparare questa arancina abbiamo usato ingredienti della nostra terra, anche il riso è coltivato in Sicilia, poi del finocchietto selvatico, asparagi selvatici, cardella, un'altra erba selvatica che cresce spontaneamente in campagna, poi abbiamo usato della pancetta da maialino allevato in Sicilia e lavorato in un salumificio di Campobello di Mazara, infine una caciotta di pecora di un noto caseificio di Santa Ninfa.

    Per il procedimento questa è la ricetta:

    200 g di riso Carnaroli 

    400 ml di acqua 

    1 carota 

    1 costa di sedano 

    1 cipolla 

    1 mazzetto di asparagi selvatici 

    1 mazzetto di cardella

    Pochi fili di finocchietto selvatico tenero

    150 g di caciotta di pecora a scaglie 

    1 bustina di zafferano 

    150 g di pancetta tagliata a cubetti.

    100 g di mollica secca.

    Preparare un brodo vegetale con acqua, sedano, carota e cipolla.  Preparare una pastella per impanare le arancine. 

    Cuocere il riso con il brodo vegetale e mettere lo zafferano quasi a fine cottura. Il risotto va fatto raffreddare. Nel frattempo scottare le verdure e tagliarle a pezzetti. 

    Formare con il riso delle sfere e fare un buco dove mettere gli ingredienti, chiudere e passare prima nella pastella e poi nella mollica. Friggere in abbondante olio extravergine di oliva. Servire calde o tiepide.

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

    p1 villa catalanotto