• cse a3
  • A3 dottor Gianni catalanotto

L'esaurimento nervoso. Sintomi, rimedi e suggerimenti per affrontare un nemico "invisibile"

del 2019-05-01

Immagine articolo: L'esaurimento nervoso. Sintomi, rimedi e suggerimenti per affrontare un nemico "invisibile"

Nel XIX° secolo, il neuropsichiatra americano George Miller Beard utilizzò l’espressione “esaurimento nervoso” per indicare una condizione di fatica cronica. Oggi l’esaurimento nervoso, denominato anche nevrastenia o neuroastenia, descrive uno stato generale di stanchezza e debolezza fisica e mentale.

  • clemente edilizia a7
  • Quali sono i sintomi?

    Generalmente la sintomatologia può essere davvero molto ampia: difficoltà nella concentrazione, senso eccessivo di fatica dopo uno sforzo mentale, debolezza fisica, mal di testa, problemi del sonno, vertigini, dolori, umore irritabile, anedonia, attacchi di panico.  Questa condizione insorge in modo acuto dopo un periodo particolarmente stressante.  Sembra, infatti, che lo stress sia il principale fattore responsabile della nevrastenia.

    Ma quali sono quelle situazioni che possono farci sperimentare una fonte così acuta di stress tale da portarci ad un esaurimento?

    Solitamente le condizioni a più alto contenuto di stress risiedono nell’instabilità relazionale; nell’instabilità lavorativa e nell’elaborazione di un lutto. Quando l’organismo non riesce più a rispondere a delle fonti di stress molto grandi si possono manifestare sintomi molto simili a quelli dell’ansia e della depressione. Questa condizione può portare il soggetto a percepirsi debole ed incapace a reagire e questo aumenterà notevolmente i sintomi alimentando così lo stato di malessere. L’ambiente esterno (amici, parenti) ha sicuramente un ruolo molto importante. Se il soggetto viene accusato dalle persone a lui vicine, di non essere stato in grado di gestire la situazione o di non essere stato capace di fare qualcosa, questo provocherà un ulteriore senso di fallimento e quindi un calo di umore.

    Come affrontare quindi un esaurimento nervoso? Non basta eliminare gli eventi che sono stati identificati come fonte di stress, ma bisogna fare un lavoro sulla modifica del proprio comportamento di fronte a tali eventi e sulla gestione delle proprie emozioni. La chiave giusta è quella di lavorare insieme allo psicologo sugli aspetti che hanno permesso agli eventi di avere la meglio su di noi.  

    Dott.ssa Fabrizia Modica fabriziamodica@gmail.com  

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

  • H2 conad
  • a4 Officina dell'Alchimista scarpinati
  • a4 lisciandra
  • A4 DISCOUNT DELLA CERAMICA
  • A4-fulgida
  • tantaro a 4
  • a4-ke idea p
  • non solo sport maggio 2020
  • Giocondo - a4
  • sieli
  • a4 autoservizi salemi
  • A5 lola parrucchieri
  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti

    p1 villa catalanotto