• A3 dottor Gianni catalanotto
  • cse a3

"Guardavo la Folgore, sogno la Juve e mi ispiro a Dybala". Intervista a Giovanni Lupo dopo l'approdo in Lega Pro

di: Redazione - del 2020-09-20

Immagine articolo: "Guardavo la Folgore, sogno la Juve e mi ispiro a Dybala". Intervista a Giovanni Lupo dopo l'approdo in Lega Pro

Giovanni Lupo, classe 2004, ex Castelvetrano-Selinunte, è approdato come vi abbiamo raccontato negli scorsi giorni alla Vibonese Calcio, squadra che milita nel campionato Professionistico di Lega Pro. 

  • scarpinati a7 giugno
  • Il ragazzo, che ha fatto tutta la trafila delle varie categorie del settore giovanile e che l'anno scorso ha disputato una grande stagione vincendo il campionato Regionale Under 16 con la squadra castelvetranese, aveva attirato l'attenzione di tante società Professionistiche. 

    Giovanni Lupo è il classico trequartista dai piedi buoni con una classe cristallina, grande visione di gioco e ottime qualità nei tiri da fuori.

    Disputerà il prestigioso Campionato Nazionale Under 17 che comprende tutte le squadre professionistiche di Lega Pro.

    Vi proponiamo un estratto dell’intervista nella quale ha anche parlato del suo futuro e di quello che rimane il suo grande desiderio da calciatore. 

    Da Castelvetrano alla Vibonese, che ambiente hai trovato e su cosa ti stai concentrando circa la preparazione atletica?

    “Per adesso essendo in fase di preparazione stiamo lavorando molto sulla corsa, forza e resistenza. La prevenzione infortunistica nell'ambito della preparazione atletica di una squadra di calcio è oggi di fondamentale importanza. A differenza del passato, infatti, oggi si dedica grande attenzione a questa fase, che può essere considerata il primo step di un ciclo di allenamento. La qualità dell'allenamento è alta e questo rappresenta uno stimolo maggiore nel mio percorso di crescita” .

    Come nasce la passione per il calcio? 

    “La mia famiglia, in particolare mio nonno, ha sempre fatto il possibile per farmi crescere con sani valori. Da piccolo sono state poche le volte dove andavo a guardare le partite della Folgore lo ammetto, perché a me non piaceva guardare ma giocare. Lo sport è sempre stato per me sempre sinonimo di impegno, passione e speranza. Io sono solo all’inizio ma farò il possibile per dare una gioia anche a loro.”  

    A quale giocatore ti ispiri e dove sogni di giocare?

    “Il sogno si chiama Juventus e vedere da vicino e imparare da campioni come Dybala. Neymar è un altro atleta che stimo e che un giorno spero tanto di vedere dentro un rettangolo di gioco”.      

    Un grande in bocca al lupo a Giovanni per la sua nuova avventura.

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

    p1 villa catalanotto