• maxoptical
  • A3 rattan

Da Salemi e Ribera a Parma per una App "speciale". Il Sindaco Venuti si congratula

di: Francesca Capizzi - del 2017-07-11

Da sinistra Manuel Costanza e Giacomo Acquisto

In foto: Da sinistra Manuel Costanza e Giacomo Acquisto

  • Un’App da scaricare gratis per bambini e adulti  con disabilità e difficoltà nelle prime fasi di avvio alla letto-scrittura. A crearla sono stati due giovani studenti  siciliani, a Parma, in ingegneria informatica. Manuel  Costanza di Salemi, già laureato e Giacomo Acquisto di  Ribera, studente. Questa applicazione è nata con lo scopo  di favorire l’apprendimento della letto-scrittura in situazioni di difficoltà psicomotoria, visuo-spaziale e cognitiva.

    È  stata sviluppata dai due giovanissimi ventiquattrenni e  presentata a Parma presso l’istituto comprensivo Barilli di  Basilicagoiano (PR).

    L’applicazione, si chiama AlboBoard  e si presenta come una tastiera in cui il tutor può scegliere i caratteri a disposizione dell’utilizzatore per comporre il  testo scritto. Il sintetizzatore vocale fornisce un feedback  immediato sia per ogni carattere selezionato dallo user che  per la parola o frase completa.

    L’applicazione si apre con  un minitutorial che spiega come configurare la tastiera.

    “Mi  sono laureato qui a Parma - ci racconta Manuel Costanza - e  insieme al mio collega abbiamo pensato di fornire un aiuto  concreto a tante insegnanti di scuole elementari, medie e  licei, in particolare quelle che si occupano del sostegno e  anche ai familiari di giovani studenti o adulti che hanno  difficoltà di letto - scrittura.

    Noi in veste di studenti  dovevamo creare un’app per l’esame di “Programmazione di  sistemi Mobili” tenuto dal professore Marco Picone, quindi  questa per noi è stata un’ottima occasione per creare  qualcosa di utile per la comunità.

    L’applicazione è stata  realizzata per la piattaforma Android. È divisa in due aree  principali: una in cui l’insegnante/educatore configurerà la  tastiera con le opportune lettere, colori e dimensioni e una  seconda in cui l’assistito con l’aiuto dell’insegnante  comporrà la parola.

    L’area di configurazione lascia molta  libertà all’insegnante che può scegliere di inserire qualsiasi  carattere e regolarne la dimensione. Sono personalizzabili il  colore di sfondo dei singoli caratteri e il colore di sfondo  della tavola.

    Un’altra funzionalità importante - continua a  spiegare Costanza - è quella che permette di salvare le  configurazioni per ripristinarle in un secondo momento.  Terminata la configurazione si passa nell’area vera e propria  di lavoro. In quest’ area quando viene toccata una lettera,  ne verrà riprodotta la fonetica e sarà aggiunta nella barra di  testo in alto. Attraverso il feedback acustico ricevuto,  l’assistito svilupperà la capacità di autocorrezione.

    La novità principale dell’App, è che si tratta di una tastiera  touch con una possibilità elevatissima di personalizzazione  e adattabilità alle principali difficoltà che si possono  riscontrare nella pratica scolastica in situazioni di disabilità,  ma anche di normalità specialmente nelle prime fasi di  avvio alla letto-scrittura.

    Le tastiere che abbiamo visto  nello store presentano possibilità di personalizzazione  limitate soprattutto alla scelta del colore e del tipo di  carattere, predefinite nella dimensione dei tasti e nella  presentazione dei caratteri di scrittura, molto simili alle  tastiere tradizionali che proprio per questa impostazione già  definita sono inutilizzabili da soggetti in difficoltà.  

    Avevamo fatto ricerche in merito - continua a spiegare il  giovane neo laureato - ma non c'era niente di simile  scaricabile gratuitamente.

    In giro c’erano delle soluzioni  con tablet e software che tra le tante attività avevano anche  una tastiera molto simile a quella di AlboBoard, ma il  prezzo era inaccessibile. E cosi, abbiamo cominciato a  studiarci su, fino ad ottenere questa grande soddisfazione”.  

    Adesso i due giovanissimi, ricevono tantissime chiamate  durante il giorno, per saperne di più su quest’App, anche da  adulti che hanno bisogno di agevolazioni nelle normali  attività di vita quotidiana.

    Per ogni tasto è possibile anche  modificare il colore dello sfondo, le dimensioni e la  posizione sul display.

    Queste opzioni consentono, quindi, di  adattare la tastiera ad eventuali difficoltà visuospaziali del soggetto, andando ad organizzare i tasti in modo  personalizzato.

    Ogni configurazione elaborata, può  contenere solo alcuni caratteri o la tastiera completa,  nonché i segni di punteggiatura e le cifre. La tastiera,  permette in questo modo di lavorare su singole combinazioni sillabiche, inserendo in tastiera solo alcuni  grafemi, oppure sulla produzione di testo, fornendo allo user un immediato feedback uditivo di quanto prodotto.

     “Abbiamo anche avuto l’idea - conclude Costanza - di  inserire in tastiera anche le cifre, per consentire di lavorare  sulla letto-scrittura dei numeri o di utilizzare questa App  come strumento compensativo, dando essa stessa la lettura  del numero che il soggetto digita. Con un’attenta selezione  dei caratteri, è possibile poi proporre attività di  discriminazione tra grafemi visivamente simili o tra  caratteri che il singolo bambino confonde.

    Quindi anche la  gratuità e’ sicuramente un punto da non trascurare, è una  tastiera altamente funzionale che diventa accessibile a tutti  e questo non è cosa da poco conto se si pensa che i fruitori  saranno principalmente persone in situazione di difficoltà”.  

    Ad oggi questa è l’unica applicazione gratuita con queste  caratteristiche e si prevede di aggiungere ulteriori  funzionalità per migliorare la qualità dell’apprendimento  da parte di questa categoria protetta di persone. Inoltre  AlboBoard è ottimizzata per l’uso su Tablet ma è  utilizzabile su qualsiasi dispositivo Android (Smartphone e Tablet).

    È possibile scaricarla dal sito www.alboboard.it o  dal Play Store.

    Intanto per Manuel Costanza arrivano i complimenti del Sindaco Venuti ai microfoni di Cnews.it: "Faccio i miei più calorosi complimenti a Manuel per l'importante obiettivo raggiunto. La sua intuizione ci rende doppiamente orgogliosi: per le sue origini salemitane e perché la app che ha ideato può rappresentare un valido sostegno alle persone che vivono una disabilità. La sua esperienza va a fare parte di quella lunga scia di salemitani che negli anni hanno messo in mostra le loro qualità in tutto il mondo. Il suo successo nel mondo del lavoro sarà il nostro orgoglio".

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti