• cse a3
  • A3 dottor Gianni catalanotto

"Il mio 'tesoro' fotografico sulla Ferrovia in dono alla Città di CVetrano". Storia di di Baldo Ingoglia, il ferroviere collezionista

di: Elio Indelicato - del 2017-11-02

  1. Baldo Ingoglia, 40 ani trascorsi in Ferrovia, adesso ha un solo desiderio: quello di tramandare alle future generazioni l’amore della storia della Ferrovia di Castelvetrano e del deposito ferroviario.
  • clemente a7 novembre 2021
  • Ottantacinque anni suonati ma non li dimostra Baldo Ingoglia per tanti anni operaio, poi macchinista a partire dal 1954 e infine capo deposito. Nella sua lunga attività ha acquisito tanto di quel materiale fotografico e di libri che si potrebbe aprire un piccolo museo. Ed è proprio questo il suo grande desiderio.

    "Io, dice Baldo Ingoglia, mi definisco un collezionista di storia. Vorrei tanto che le generazioni a venire si ricordassero della Ferrovia di Castelvetrano e del deposito attraverso quello che vorrei diventasse un piccolo museo della memoria. La stazione ferroviaria di Castelvetrano contava circa 500 impiegati, tra macchinisti, operari e impiegati prima che venisse declassata.”

    Baldo Ingoglia è stato, nel 1985, insignito dall’allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini Cavaliere del lavoro e mostra con orgoglio la prestigiosa pergamena. Lo studio dell’ex ferroviere è pieno di scatoloni dove ha conservato circa 350 foto d’epoca e tanti libri sulla storia delle Ferrovie e dei mezzi di locomozione in particolare. Ha collaborato con tanti autori di libri sulle tratte ferroviarie italiane e su quelle che lui conosceva meglio.

    Baldo Ingoglia riparava i famosi locomotori a vapore, ne conosce tutti i pezzi e ricorda con piacere  quando, nel 1976 prima e nel 1980 dopo, accompagnò tanti turisti nel giro di Sicilia con la locomotiva a vapore da Porto Empedocle a Castelvetrano nella tratta ridotta e poi a Palermo, prima che il 31 dicembre del 1985 venisse fatta l’ultima corsa della littorina .

    Conserva ancora i registri di tutte le tratte di percorrenza da Castelvetrano anche di quella  che si chiamava Castelvetrano –San Carlo negli anni 50 e che toccava Partanna. Santa Ninfa, Gibellina, Santa Margherita Belice e altri centri belicini.

    Baldo Ingoglia conserva gelosamente questi “giornali di bordo”, ne ha uno del 1915 sulle locomotive a vapore, poi appunti, lettere, libri e tantissime foto. Lo stesso ex ferroviere aggiunge:” Da circa un decennio parlo con i sindaci che si sono succeduti, spiegando il mio desiderio, quello di potere avere una stanza spaziosa al museo civico di Castelvetrano, dove potere documentare mezzo secolo e passa di storia. Continuo a ricevere telefonate di editori di libri che mi chiedono foto o documenti di epoca. Si potrebbero fare tesi di laurea sullo snodo ferroviario di Castelvetrano.

    Certo, conclude, avevo una marcia in più perché inizialmente facevo l’operaio, e mi onoro ancora di esserlo stato, prima ancora di diventare aiuto e poi macchinista, capo deposito negli anni settanta e di concludere la mia carriera a Palermo con la qualifica di ’primo aggiunto’nel lontano 18 gennaio 1991. “

    Il saluto dei colleghi alla presenza della maggiori autori delle Ferrovie dello Stato, fu per Baldo Ingoglia una grande soddisfazione. Adesso quegli scatoloni tutti ordinati messi sul pavimento sembra che dicano : siamo pronti per il trasloco e per l’ex ferroviere sarebbe una grande gioia che arrivassero al ‘capolinea’ al Museo Civico di Castelvetrano.

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

  • H2 conad
  • piazza natale 2021
  • a4 lisciandra
  • Olimpo
  • Macelleria Sciacca A4
  • Mondadori a4
  • Non solo sport autunno 2021
  • a4 autoservizi salemi
  • Belicittà eventi dicembre 2021
  • Centro estetico Bluma
  • edil ambiente mbi
  • La vera storia della guerra di Troia 18 Dicembre
  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti

    p1 villa catalanotto