• a3 generali
  • A3 dottor Gianni catalanotto

Processo verso presunti “furbetti” del reddito di cittadinanza. Assolti due belicini

del 2022-08-13

Immagine articolo: Processo verso presunti “furbetti” del reddito di cittadinanza. Assolti due belicini

Il Tribunale di Marsala, nelle persone della Dott.ssa Barcellona Mariaserena e del Dott. Francesco Parrinello, con delle recentissime sentenze hanno assolto due cittadini residenti nella Valle del Belìce, M.S. di anni 52 e A.A.G di anni 59, entrambi difesi dall’Avv. Accardo Giuseppe, del Foro di Marsala.

  • clemente a7 novembre 2021
  • Nel primo caso il signor M.S. era accusato di avere falsamente dichiarato di vivere in maniera autonoma quando invece, secondo la tesi dell’accusa basata sugli accertamenti della Guardia di Finanza, avrebbe convissuto con i genitori.

    Da lì, secondo la Procura della Repubblica, sarebbe scaturita una falsa attestazione Isee (con indicazione solo dell’imputato nel nucleo familiare) utile a far maturare il diritto al Reddito di Cittadinanza, effettivamente percepito dall’accusato.

    Nel corso del processo, però, è emerso che il signor M.S. viveva in un appartamento autonomo all’interno dello stabile dove vivevano i genitori, e come lo stesso fosse residente da oltre 10 anni in maniera autonoma.

    Tali elementi venivano riscontrati da copiosa documentazione e da dichiarazioni testimoniali, mentre dall’esame degli accertatori della Guardia di Finanza emergeva come le accuse fossero esclusivamente “deduttive e presuntive”.

    Da qui scaturiva l’assoluzione con la formula piena perché “il fatto non sussiste”, a fronte di una richiesta di condanna di anni 1 e mesi 6 della Pubblica Accusa.

    Nell’esprimere soddisfazione per l’esito del processo l’Avv. Giuseppe Accardo ha sottolineato “come l’assoluzione sia stata frutto delle dichiarazioni testimoniali e delle prove documentali offerte dalla difesa, a fronte di un quadro probatoria della Procura meramente presuntivo.

    Non è il primo caso relativamente al c.d. Reddito di Cittadinanza che mi vede impegnato a dimostrare l’innocenza del mio assistito allorquando dovrebbe essere invece la Pubblica Accusa a dimostrare la colpevolezza. Questo deve essere un elemento di riflessione per i tanti processi in materia allo stato pendenti”

    Nel caso del signor A.A.G. lo stesso, secondo l’accusa, veniva assunto in nero mentre percepiva il Reddito di Cittadinanza omettendo di fare le comunicazioni previste dalle legge.
    Nel corso del dibattimento, però, emergeva come l’imputato avesse consegnato i documenti per l’assunzione al titolare della Ditta edile dove lavorava e, dunque, come fosse convinto di essere assunto.

    Inoltre emergeva come nei 30 giorni successivi si era recato tre volte presso il proprio Patronato per inviare la comunicazione di assunzione, cosa impossibile da poter fare a causa di un problema nel sistema Inps che ne frattempo bloccava la posizione dell’imputato stante la segnalazione di “lavoro non regolarizzato”.

    Anche in questa occasione prove documentali e testimoniali hanno determinato l’assoluzione del signor A.A.G. che, come emerso nel corso del processo, si era comportato correttamente e veniva assolto perché “il fatto non costituisce reato”.

    Sul punto l’Avv. Giuseppe Accardo ha specificato “come il processo sia sostanzialmente nato da un bug del sistema dell’Inps che non ha permesso all’imputato di aggiornare la propria posizione nonostante tre invii certificati eseguiti dal Patronato. Speriamo che una casistica simile sia limitata, comunque sarà mio onere comunicare le risultanze processuali alla sede provinciale dell’Ente”.

    Questi due casi devono servire da riflessione sulla “demagogia” e sugli animi che facilmente si “infiammano” nel valutare strumento del Reddito di Cittadinanza ed i suoi percettori. Due “furbetti” che hanno dovuto subire un processo penale per dimostrare la loro innocenza.

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter