• A3 dottor Gianni catalanotto
  • A3 Conad
  • outlet del mobile A3bis fino al 21 marzo
  • A3bis Farmacia Rotolo
  • Farmacia Rotolo Castelvetrano

Lo smartphone come una droga per giovani e non solo. Ecco perchè e come "disintossicarsi"

di: Dott.ssa Fabrizia Modica - del 2016-06-01

Immagine articolo: Lo smartphone come una droga per giovani e non solo. Ecco perchè e come "disintossicarsi"

Si rinnova l'appuntamento con la Rubrica "Guardati Dentro" tenuta dalla Dott.ssa Fabrizia Modica

  • Fratelli Clemente Febbraio 2023 a7
  • La crescita del mercato della telefonia mobile ha, senza dubbio alcuno, apportato delle modifiche alla nostra società influendo sul nostro modo di pensare, agire e rapportarci all’altro. Ma qual è il valore che attribuiamo a quello che, non troppi anni fa, era uno strumento utilizzato esclusivamente per telefonare?  

    Parecchi studi di ricerca, che hanno coinvolto anche la nostra Sicilia, hanno dimostrato quanto l’attaccamento allo smartphone si sia sempre più trasformato in una vera e propria dipendenza che, come tutte le dipendenze, genera una sintomatologia problematica. Ansia, attacchi di panico e insonnia sono tra i sintomi più frequenti di chi è vittima della telefonino-dipendenza.  

  • h7 immobiliare catalanotto
  • Quali sono le motivazioni che possono portare allo sviluppo di un legame di attaccamento morboso nei confronti del cellulare?  

    Il cellulare costituisce, soprattutto per le nuove generazioni, un mondo alternativo in cui rifugiarsi per evadere dalle difficoltà di ogni giorno. Social, games e chat sono componenti che occupano la mente e distraggono facilmente da pensieri fastidiosi.

    Il cellulare permette inoltre di usufruire della possibilità di una comunicazione che non espone, che protegge dall’insicurezza  e dall’ansia che, invece, una conversazione vis-à-vis può comportare.  

    Quali sono i campanelli d’allarme di una dipendenza da cellulare?  

    Tanti sono i fattori che possono comunicare la presenza di una dipendenza: la quantità di tempo che il soggetto dedica a tale strumento;  l’affettività dimostrata nei confronti dell’oggetto; come il soggetto reagisce nel momento in cui ne viene privato; la qualità relazionale al di fuori del mondo telematico; sintomi quali mal di testa, stordimento e problemi uditivi.  

    Alcuni consigli.

    Nel caso della piccola utenza è necessario tenere sotto controllo l’utilizzo del telefonino (evitando di fornire loro il cellulare se non necessario), cercando di coinvolgerli in attività sane e benefiche sia per il corpo che per la mente.  

    Anche gli adolescenti vanno monitorati ed educati ad un corretto utilizzo dello strumento,  informandoli costantemente sui rischi e pericoli che si celano dietro un uso improprio del telefono.  

    Per l’utenza adulta invece, può essere utile ritornare a svolgere determinate azioni senza affidarsi all’utilizzo di applicazioni scaricabili  (come ad esempio scrivere gli impegni su un’agenda piuttosto che sulle note del telefono). 

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter