• cse a3
  • A3 dottor Gianni catalanotto

Il lettore scrive: “Tra peripezie e ostacoli il mio giro a Selinunte e l’auspicio di un miglioramento della situazione”

del 2021-06-30

Immagine articolo: Il lettore scrive: “Tra peripezie e ostacoli il mio giro a Selinunte e l’auspicio di un miglioramento della situazione”

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di un nostro lettore che ci racconta gli ostacoli che ha dovuto superare per portare al mare in sicurezza il proprio nipotino a Marinella di Selinunte.

  • scarpinati a7 giugno
  • Di seguito la sua lettera:

    "Illustrissimo Direttore di Castelvetranonews, vorrei condividere la mia esperienza di nonno fatta per portare al mare il nipotino in sicurezza. Questo sfogo non lo scrivo a livello di critica negativa per il territorio di Selinuntino ma per sensibilizzare tutta l’amministrazione e il Sindaco del Comune un po’ fatiscente sulla risoluzione delle problematiche di Castelvetrano Selinunte Triscina.

    Parto con il descrivere l’arrivo al porto, dove trovo la prima difficoltà nella sosta temporanea per lasciare nonna e nipote con passeggino, ombrellone e relative borese con tovaglie e giocattoli. Tra una acrobazia e l’altra raggiungo l’obiettivo e parto per all’avventura di un parcheggio che trovo vicino al depuratore.

    Al ritorno prendo tutto e tutti e trovo un secondo ostacolo quello di raggiungere il mare, da dove prendiamo visto che non ci sono passarelle e agevolazioni? Ci avventuriamo dalla strada alle spalle del lido dove bisogna sollevare bimbo con passeggino superare gli ostacoli e mi chiedo se questa strada è privata o no visto lo sbarramento (chiedo per un amico).

    Terzo ostacolo alla fine di questa strada esistono dei gradini di cui l’ultimo è fatiscente distaccato e in posizione obbliquo quindi bisogna scendere lateralmente con il rischio di scivolare come già hanno fatto tante persone io compreso. A chi spetta sistemare questo? Chiedo per un altro amico.

    Al ritorno dopo avere superato il tutto al contrario ci avventuriamo per andare al parcheggio dove ho lasciato la macchina facendo uno slogan tra auto in sosta e auto in circolazione, mi chiedo a che serva la striscia continua che delinea la strada con piante e la piazzetta in legno. Qui l’amico non sa cosa rispondere visto che è intasata di tutto di più.

    Dimenticavo che da tempo scorre un fiume d’acqua alla salita dello scaro, vorrei sapere come si chiama. Anche questo l’ho attraversato ben due volte.

    Caro Sindaco e amministratori comunali e relativi responsabili di settore, siamo arrivati a Luglio e ancora non si parla di stagione estiva o di dare una parvenza alla bellissima nostra Selinunte, cosa offriamo al turista, cosa possono pensare coloro che vengono per visitare il Parco Archeologico più grande d’Europa?  

    Potrei prolungarmi ancora su tante altre cose come i bordi strada pieni di immondizia, la mancanza di passarelle per disabili, la pulizia delle spiagge libere etc ma non voglio dirlo.

    Spero che entro la fine dell’estate qualcuno si faccia un giro (NO COME TURISTA MA COME ORGANO ISTITUZIONALE) per valutare come risolvere immediatamente il tutto.

    Giovanni Rosciglione, orgoglioso di essere cittadino Castelvetranese e che non vuole abbandonare la spiaggia di Selinunte".

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter