• A3 dottor Gianni catalanotto
  • A3 Conad
  • A3bis Farmacia Rotolo
  • Farmacia Rotolo Castelvetrano
  • outlet del mobile A3bis fino al 21 marzo

Ghosting e Orbiting, quando non metterci "la faccia" sul web "aiuta" a superare le difficoltà

di: Dott.ssa Fabrizia Modica - del 2020-11-30

Immagine articolo: Ghosting e Orbiting, quando non metterci "la faccia" sul web "aiuta" a superare le difficoltà

Ghosting e Orbiting sono due fenomeni tipici di quest’era digitalizzata e appartenenti quindi al mondo di internet, in particolar modo ai social e a piattaforme ormai molto conosciute come Messanger, Telegram, Badoo, Tinder, Instagram ecc.

  • Fratelli Clemente Febbraio 2023 a7
  • Queste piattaforme di uso ormai comune riescono a facilitare la fine di un rapporto venendo meno a tutte quelle che sono le componenti principali della comunicazione non verbale (linguaggio espressivo del volto e del corpo, reazioni, ecc..). 

    Per Ghosting intendiamo una tattica passivo-aggressiva che porta un soggetto a sparire (proprio come un fantasma) smettendo di rispondere a mail o messaggi anche in assenza di condizioni che potessero alludere alla fine di una relazione (amicale o amorosa).

  • h7 immobiliare catalanotto
  • Per Orbiting intendiamo invece quella situazione in cui, un soggetto dopo essere sparito per un tot di tempo decide di ritornare quando lo desidera. 

    Questi due fenomeni non sono comunque necessariamente congiunti, a livello psicologico possiamo dire che il fenomeno del Ghosting si verifica spesso in soggetti dai pattern di attaccamento evitante (per prevenire l’intimità relazionale), il secondo fenomeno è più tipico di soggetti dai pattern coercitivi che, alternando lo sparire e il riapparire, riescono ad esercitare un controllo sulla relazione manipolandola a proprio piacimento; dietro quell’implicito “ci sono ancora”  si nasconde  la vergogna di essere spariti senza ragione ma anche un tentativo di tenere allacciato quel legame potenzialmente utile per regolare alcune emozioni intollerabili, come la paura di essere soli o incapaci di fronte ad un problema. Da questo si evince la relazione con i pattern di attaccamento sviluppati durante l’infanzia con le figure di riferimento descritti da Mary Ainsworth (sicuro- insicuro/evitante - insicuro/ambivalente - disorganizzato).   

    Di sicuro, la comunicazione online rende molto più facile non assumersi la responsabilità delle proprie azioni sia perché agire dietro uno smartphone o un pc è molto semplice e permette di non metterci “la faccia”, sia perché basta passare in modalità offline o spegnere il pc per evitare di gestire qualcosa che può risultare di difficile gestione.   

    Dott.ssa Fabrizia Modica

    [email protected]

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter