• A3 dottor Gianni catalanotto
  • A3 Conad
  • A3bis Farmacia Rotolo
  • Farmacia Rotolo Castelvetrano
  • outlet del mobile A3bis fino al 21 marzo
  • Spazio disponibile R1

Addio a Rita Levi Montalcini: "Oggi a Torino le esequie con rito ebraico"

del 2013-01-02

Immagine articolo: Addio a Rita Levi Montalcini: "Oggi a Torino le esequie con rito ebraico"

Si è spenta all'età di 103 il Premio Nobel per la medicina, Rita Levi Montalcini. Ha dedicato la sua vita alla scienza ed oggi tutto il mondo piange "La Signora delle cellule".

  • Fratelli Clemente Febbraio 2023 a7
  • Nelle parole della nipote, Piera Levi Montalcini, consigliere comunale a Torino, la morte della scienziata diventa una metafora: "Si è spenta come si spegne un faro, ma non ha sofferto. E' morta nella stanza del suo appartamento, accanto ai suoi amatissimi libri".

    Rita levi Montalcini sarà sepolta a Torino accanto alla sorella gemella, scomparsa nel 2000. Esempio di donna che ha saputo lottare, sin dall'inizio della sua vita professionale, contro ogni avversità, dal padre che nel lontano 1930 era contrario ad iscriverla all'università, alle leggi razziali del 1938, che l'hanno costretta a trasferirsi a Bruxelles.

  • h7 immobiliare catalanotto
  • Eppure non si è mai arresa, anzi nel 1951 identifica la proteina di crescita del sistema nervoso, Ngf, che le varrà il Premio Nobel nel 1986. Nel 1992 fonda, assieme alla sorella Paola, la Fondazione Levi Montalcini, per diffondere il diritto allo studio fra i più deboli, in particolare assegna 7000 borse di studio fra giovani studentesse africane.

    Nel 2001 viene nominata dall'allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, "Senatrice a vita" e, nello stesso anno, fonda L'Ebri, l'istituto di ricerca che ha guidato praticamente sino alla morte. Queste le parole di Rita Levi Montalcini in merito: "La ricerca italiana è di altissimo livello per capacità innovative e ingegno, anche in assenza di finanziamenti. Ma questo Paese ancora favorisce i gruppi di potere più che le capacità".

    Speriamo allora che, in questo nuovo anno in cui la scienziata italiana ci ha lasciati, le sue parole e le sue gesta servano da esempio a tante donne, per non arrendersi,  e a tutti coloro che governano il nostro strano Paese, nel favorire la ricerca italiana, ricca di grandi cervelli, il primo dei quali: RITA LEVI MONTALCINI!. Addio.

     

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

    Arredo Gulotta P1