• a3 generali
  • A3 dottor Gianni catalanotto

Lavorare in banca: Unicredit e Bnl cercano 600 laureati

(fonte: www.repubblica.it) - del 2014-02-18

Immagine articolo: Lavorare in banca: Unicredit e Bnl cercano 600 laureati

In un’era in cui il posto fisso è una meta irrealistica, per quasi 600 giovani di tutta Italia quest’obiettivo potrebbe diventare raggiungibile. Unicredit e Bnl, infatti, in questi mesi stanno cercando giovani laureati da inserire nelle proprie sedi su tutto il territorio nazionale con contratti di vario tipo che aprono le porte a future assunzioni a tempo indeterminato.

  • clemente a7 novembre 2021
  • Un impiego, come quello del bancario, che pur non garantendo la stabilità di un tempo, in un periodo di vacche magre può diventare l’occasione della vita: contratti di apprendistato di quattro anni, con una paga che va dai mille ai 1.300 euro al mese, e ottime possibilità di essere assunti a tempo indeterminato allo scadere del periodo di prova. Condizioni che raramente un giovane laureato riesce a trovare in altri luoghi di lavoro. Tutte le informazioni sul sito di Unicredit e su quello di Bnl.  

    COME CANDIDARSI

    La prima fase del reclutamento avviene attraverso il web. Il candidato deve inviare il proprio curriculum al sito di Unicredi e a quello di Bnl.  

    LA SELEZIONE

    Dopo la selezione dei curricula, i migliori vengono chiamati per effettuare prove e colloqui, al termine dei quali si viene scelti e assunti.  

    L’ASSUNZIONE

    In Unicredit avviene con contratto a tempo indeterminato o di apprendistato (4 anni con possibilità di riconferma).  

    LO STIPENDIO

    Per i primi 4 anni si aggira intorno ai 1.300 euro al mese, una volta stabilizzati a tempo indeterminato la paga può arrivare ai 1.600 euro.  

    LA CARRIERA 

    Per chi lavora nelle filiali le possibilità di carriera sono buone: in 5 anni i neoassunti possono arrivare a ricoprire ruoli manageriali.

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter