• A3 rattan
  • maxoptical

Tra "cuccia" e tradizioni si festeggia Santa Lucia. Oggi, come allora, la storia si ripete

di: Vito Marino - del 2016-12-13

Immagine articolo: Tra "cuccia" e tradizioni si festeggia Santa Lucia. Oggi, come allora, la storia si ripete
  • Santa Lucia, vergine e martire è venerata dalla Chiesa Cattolica e da quella Ortodossa. Come ricorda il Messale Romano è una delle sette donne sante menzionate nel Canone Romano. Nata a Siracusa nel 283, appartenente ad una ricca famiglia, orfana di padre era stata promessa in sposa ad un pagano. Per un miracolo ricevuto, per intercessione di Sant’Agata, Lucia volle consacrarsi a Cristo.

    Allora erano in vigore i decreti di persecuzione dei Cristiani emanati dall'Imperatore Diocleziano; Lucia, denunciata come tale, viene imprigionata e subì il martirio per ordine del governatore Pascasio.

    Torturata diverse volte, ne esce illesa da ogni tormento, fino a quando il 13 dicembre 304 viene decapitata.

    Il culto per la Santa incomincia quasi subito. Papa Gregorio Magno (590-604) inserisce già il suo nome nel Canone della Messa, indicandola alla venerazione di tutta la Chiesa.

    Nel 1039 il generale bizantino Giorgio Maniace toglie momentaneamente agli Arabi la Sicilia orientale, compresa Siracusa e trasporta a Costantinopoli il corpo di Lucia; quando poi la capitale imperiale viene occupata dai crociati (1204), il doge Enrico Dandolo ordina di portarlo a Venezia, dove si trova tuttora, mentre Siracusa conserva di lei solamente delle piccole reliquie.

    A causa del suo nome, Lucia (da Lux, luce e quindi vista), nel corso dei secoli, per devozione popolare diventa protettrice della vista, di ciechi, oculisti, elettricisti e scalpellini; inoltre è Patrona di Siracusa e una speranza di luce sia materiale che spirituale per tutti i credenti.

    Dai secc. XIV-XV viene raffigurata con in mano un piattino dove sono riposti i suoi stessi occhi. A volte la tazza reca una fiaccola ed è per questo che viene accostata alla dea greca Demetra o alla romana Cerere, che venivano rappresentate con un mazzo di spighe e la fiaccola. Privo di ogni fondamento è l'episodio della Santa che si strappa gli occhi o che questi le sono stati tolti durante il martirio.

    L'emblema degli occhi sulla tazza, o sul piatto, è da ricollegarsi semplicemente alla devozione popolare che l'ha sempre invocata protettrice della vista.

    Il miracolo che si ricorda maggiormente ebbe luogo durante una terribile carestia avvenuta in Sicilia nell'anno 1646, durante la dominazione spagnola: la domenica 13 maggio a Siracusa durante la Messa, si pregava l’intervento di Santa Lucia per risolvere la carestia; una colomba volteggiava dentro la Cattedrale e appena si posò sul soglio episcopale, una voce annunciò l'arrivo al porto di un bastimento carico di cereali.

    La popolazione tutta vide in quella nave la risposta data da Lucia alle tante preghiere che Le erano state rivolte. Poiché tutti avevano appetito, per risparmiare tempo non si pensò alla macina del grano e alla panificazione, ma il grano venne subito bollito e mangiato.

    Da allora il giorno 13 dicembre, per devozione popolare, in Sicilia si mangia soltanto “la cuccia”, grano bollito con aggiunta di un poco di legumi misti, condito con mosto concentrato, chiamato impropriamente vino cotto.

    Oggi la cuccia è diventata un piatto dolce, con l’aggiunta di crema, ricotta, cioccolato, vino cotto, cannella, polvere di cacao, zuccata, ciliege candite, granella di pistacchio. Ognuno la fa a proprio gusto.

    Altra usanza, invece, è quella di fare dei piccoli pani a forma di occhi, che, benedetti vengono consumati per tenere lontane le malattie connesse alla vista. Ma il piatto più’ comune è’ l’ “arancina”, a base di riso.

    Il Pitré, padre delle nostre tradizioni popolari, così scrive su Santa Lucia: “serba sani gli occhi dei suoi devoti, che rinunciano a mangiare pane e pasta il 13 dicembre” Cuccìa è un vocabolo siciliano che deriva da “cocciu” che significa chicco (un chicco d’uva, un chicco di grano, ecc.).

    Oggi Santa Lucia viene commemorata anche nel nord Europa dove il 13 dicembre la luce si fa molto desiderare. Ma anche in Italia il 13 dicembre, il giorno più corto dell’anno indica anche la data in cui i giorni iniziano ad allungarsi vincendo con la luce le tenebre; quindi una sconfitta del bene sul male. Senza la luce non siamo in grado di vedere quello che non è illuminato.

    Luce nel senso spirituale di scoperta della verità nascosta nell’ombra. Senza la luce l’uomo rimarrebbe nell’oscurantismo.

    Ma il festeggiamento della ricorrenza della Santa avviene principalmente a Siracusa, dove la Sua statua, alta quasi quattro metri, racchiude in una custodia d’oro, dei preziosissimi frammenti delle costole di Santa Lucia.

    L’imponente processione accompagna il simulacro lungo il tradizionale percorso dalla bellissima Cattedrale, sita sull’isola di Ortigia, alla Basilica di “Santa Lucia al Sepolcro”, dove rimane esposta. Il 20 Dicembre la festa si conclude, con il rientro della statua alla Cattedrale, portata in spalla dai “berretti verdi” della confraternita dei falegnami. Nello stesso giorno in occasione della processione, la città usa ospitare una “Lucia di Svezia”, cioè una ragazza svedese che rappresenta Lucia, e che presenta il capo cinto di una corona di candele.

    A Castelvetrano abbiamo una bella chiesa dedicata a Santa Lucia in Via Campobello; ma ne esiste un’altra, già passata nel dimenticatoio, che si trova ad angolo fra la stessa via e Piazza Dante. Chiesa che  venne dedicata in seguito all’Immacolata. 

    Nel passato, quando ancora non c’era l’assistenzialismo statale, in mancanza di cure mediche efficaci ed accessibili alla povera gente, gli afflitti si curavano con le erbe o rivolgendosi ai Santi o recitando orazioni.

    Così esistevano tante orazioni preconfezionate per ogni male e per ogni Santo. Per le malattie agli occhi ho trovato queste due orazioni, rivolte a Santa Lucia: “Orazioni pi l’occhi malati” <> Questa orazione si doveva recitare di mattina a digiuno per nove giorni. Ne cito un’altra:

     In alternativa c’erano le normali preghiere oppure si poteva promettere ed eseguire un viaggio presso la chiesa di Santa Lucia ed accendervi un grosso cero.

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti