• A3 dottor Gianni catalanotto
  • cse a3

I Boy Scout, esempio di valori di vita, senso civico e aiuto verso il prossimo

del 2018-10-28

Immagine articolo: I Boy Scout, esempio di valori di vita, senso civico e aiuto verso il prossimo

(ph. RavennaToday.it)

Da giovanissimo ho fatto l’esperienza della colonia e da giovanotto quella del campeggio insieme a tanti altri ragazzi più o meno della mia età. Esperienze indimenticabili che hanno forgiato il mio carattere forte, impavido e mai in difficoltà.

  • clemente a7 novembre 2021
  • L’esperienza che, invece, mi manca è stata quella dello scoutismo, che avrebbe certamente contribuito a marcare maggiormente sia la mia forza di volontà sia la mia morale e una spiritualità che hanno da sempre caratterizzato la mia personalità.

    Fu il tenente generale inglese Robert Baden-Powell, eroe di guerra, che nell’anno 1907 ebbe l’idea di formare dei piccoli gruppi di volontari da educare per abituarli a cavarsela da soli in situazioni di difficoltà. L’anno dopo scrisse un libro, “Scautismo per ragazzi”, divenuto la pietra miliare di tutto il movimento scout internazionale e che, ancora oggi, è utilizzato dalle giovani reclute

    Il libro non è altro che un manuale d’istruzioni alla sopravvivenza. Sono stati tantissimi, d’allora, i ragazzi che hanno aderito allo scoutismo facendone come uno dei movimenti internazionali più formativi. I boschi, le pinete e le montagne sono i luoghi all’aperto, dove si montano le tende da campeggio per l’attività scoutistica.

    Qui hanno la possibilità di dedicarsi anche alla contemplazione della natura e di un’armonia cosmica che li aiuta a elevare il loro spirito. Nei campi base operano gli scout organizzati in sestiglie, squadriglie e pattuglie, diretti dai volontari capi scout o dalle guide.

    Quest’ultime nacquero dal momento in cui la sorella di Baden-Powell, Agnes, affiancò l’attività del fratello fino a diventare il primo presidente della “The Girl Guiders Association”. La definizione italiana di scout è esploratore. Per la verità con scout sono indicati tutti i mezzi e le attività che servono a localizzare il nemico in campo.

    Generalizzando il termine, però, con scout s’identificano le persone che, maturando una notevole sensibilità all’osservazione, sono in grado d’autogestirsi da soli anche nelle situazioni più imprevedibili. Il loro carattere è forgiato fino a raggiungere l’autonomia e l’indipendenza.

    I giovani scout sono definiti boy scout e il movimento: scouting se riferito alla formazione e all'abilità manuale che si raggiunge con una grande attività fisica ed esplorativa, o hébertismo se riferito alla salute conducendo una vita sana e attiva con la cura costante del proprio corpo.

    Fra i valori di vita è fortemente radicato in essi il senso civico ed è notoria la loro disponibilità ad aiutare chi ha bisogno. Il concetto di fratellanza e di cittadinanza mondiale per loro è imprescindibile da qualsiasi diversità culturale, etnica e religiosa.

    Un’altra definizione di scout è lupetto per i maschi e coccinella per le femmine, per via della divisa che essi indossano durante l’attività di scoutismo, creata dallo stesso Baden-Powell sul modello della divisa usata dalla Polizia Sudafricana.

    Essa consiste in: un cappellone, modello boero a falda larga, utile anche per proteggersi sia dal sole sia dalla pioggia; una comoda e resistente camicia; un paio di pantaloncini a gamba corta, idrorepellenti e anti macchia; una cintura con dei gancetti posti a lato che servono sia a sorreggere i pantaloncini sia per appendere degli oggetti come il cappellone, il coltello ed altro; un grossa fibbia dove c’è stampato l’emblema d’un giglio; un paio di scarpe pesanti adatte a muoversi in qualsiasi terreno impervio; due calzettoni molto robusti che proteggono dalle spine dei rovi o da eventuali morsi di vipera; un foulard scout al collo, un lungo fazzoletto che può essere utile anche per fasciare una ferita, che può fungere da sciarpa se c’è molto freddo o come corda. L'uniforme dei lupetti può anche essere chiamata pelliccia.

    Oggi nel mondo, operano circa seicento associazioni su oltre duecento paesi. Gli scout hanno raggiunto il numero ragguardevole di circa trenta milioni, con almeno dieci milioni di guide. Il loro motto è “Be Prepared” (B.P., dalle iniziali del loro fondatore), che è tradotto in latino con l'espressione evangelica 'Estote Parati' “State pronti”; questo per evidenziare anche la componente spirituale del movimento che denota una marcata  formazione cristiana. Incontro, infatti, spesso il gruppo di Castelvetrano nelle diverse chiese locali ad assistere alla santa messa domenicale.

    Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle notizie dalla Valle del Belìce? Clicca “Mi piace” su Castelvetranonews.it o seguici su Twitter

  • H2 conad
  • piazza natale 2021
  • Centro estetico Bluma
  • Non solo sport autunno 2021
  • Macelleria Sciacca A4
  • Olimpo
  • Mondadori a4
  • Belicittà eventi dicembre 2021
  • a4 autoservizi salemi
  • a4 lisciandra
  • La vera storia della guerra di Troia 18 Dicembre
  • edil ambiente mbi
  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti

    p1 villa catalanotto