• l'ancora
  • A3 coffe outlet

L'alimentazione corretta nel caso di carenza di piastrine. Ecco i cibi da privilegiare

di: Graziella Palermo - del 2019-01-17

Immagine articolo: L'alimentazione corretta nel caso di carenza di piastrine. Ecco i cibi da privilegiare
  • A6 - Spazio Disponibile
  • Le piastrine sono frammenti cellulari dalla funzione molto importante; in presenza di una ferita, formano dei coaguli, allo scopo di richiuderla ed evitare un’emorragia. Sono prodotte nel midollo osseo e circolano nel sangue, pronte a riparare eventuali danni ai vasi sanguigni. Non sono dotate di nucleo, ma contengono all’interno delle piccole sacche o granuli. Quando si verifica una lesione, i granuli rilasciano sostanze che richiamano altre piastrine e ne favoriscono l’aggregazione, formando il cosiddetto “tappo piastrinico”.

  • A7 spazio disponibile
  • In breve, sono fondamentali perché bloccano le emorragie: la loro presenza nel sangue è vitale.  In alcuni casi si può verificare un’anomalia a carico delle piastrine, quando la produzione diminuisce o aumenta oppure quando non funzionano in modo ottimale.

    La conseguenza è una serie di disturbi cronici del sangue oltre a, in caso di lesioni, un maggiore rischio di perdere una notevole quantità di sangue. Eventuali anomalie devono essere sottoposte immediatamente all’attenzione del medico, dal momento che possono comportare gravi rischi per la salute.

    Oltre a questo, può essere utile includere nella dieta alcuni alimenti che, grazie alle loro proprietà, aiutano a regolare il tasso di piastrine nel sangue. Scopriamoli insieme alla Dott.ssa Graziella Palermo.

    1. Zucca e semi di zucca

    La zucca, compresi i semi, contiene aminoacidi e vitamine essenziali per la formazione delle piastrine.  Mangiata regolarmente migliora l’assorbimento delle proteine e della vitamina A, sostanze nutritive che partecipano alla loro produzione.  Inoltre, dal momento che contiene potenti antiossidanti, la zucca aiuta a contrastare i danni provocati dalle tossine e dei radicali liberi.

    2. Agrumi

    Gli agrumi, consumati in modo equilibrato, sono un ottimo alimento per la salute del sangue.  Ciò è dovuto alla notevole quantità di vitamina C, una sostanza in grado di aumentare il numero di piastrine nel sangue. La vitamina C rafforza il sistema immunitario e, aumentando la produzione di anticorpi, riduce il rischio di danni alle piastrine.

    3. Uva spina indiana succo di uva spina indiana

    È certamente un frutto esotico non facile da trovare, tuttavia l’uva spina indiana o amla fa parte della categoria di alimenti che proteggono la salute del sangue e del sistema immunitario. Contiene vitamina A e C, che intervengono nella produzione delle piastrine del sangue. La sua alta concentrazione di antiossidanti riduce al minimo i danni ossidativi e il rischio di patire malattie croniche legate alla scarsa produzione piastrinica.

    4. Succo di aloe vera

    Il succo di aloe vera è un rimedio dai molteplici impieghi terapeutici e utilizzato da secoli a beneficio della nostra salute. Tra le sue proprietà vale la pena ricordare che, grazie all’apporto di vitamine e sali minerali, contribuisce a purificare e proteggere le cellule del sangue. I suoi nutrienti inibiscono gli effetti negativi delle tossine e degli agenti infettivi, impedendo l’indebolimento delle piastrine. Il succo di aloe impedisce, in generale, l’impoverimento del sangue e aiuta a ottimizzare la funzione delle cellule sanguigne in caso di ferite o lesioni.

    5. Spinaci e tagliere

    Gli spinaci fanno parte del gruppo di ortaggi a foglia verde dai numerosi benefici per il nostro organismo. In questo caso è da segnalare l’apporto significativo di vitamina K e di proteine, che svolgono un ruolo di primo piano nella produzione delle piastrine. Il succo naturale di spinaci, in particolare, ne stimola la produzione e agevola il passaggio del sangue attraverso i vasi sanguigni.

    6. Papaia

    La polpa e le foglie della papaia sono utili per completare il trattamento dei disturbi della funzione piastrinica. Succo e infusi contribuiscono a regolare i livelli delle cellule del sangue, prevenendo l’insorgere di malattie croniche. Non sono certamente una soluzione miracolosa alle malattie del sangue, ma aiutano a stimolare la produzione delle piastrine.

    7. Barbabietola

    La barbabietola è ricca di sostanze antiossidanti che aiutano a prevenire il calo delle piastrine provocato dai radicali liberi. Grazie al suo apporto di vitamina A, C e K e di sali minerali, aiuta a disintossicare il sangue e riduce il deterioramento dei vasi sanguigni. Consumata sotto forma di succo, rafforza le difese e previene le malattie circolatorie e del sangue.

    La cura dei disturbi a carico delle piastrine varia in funzione della causa, tuttavia il consumo di questi 7 alimenti può promuovere il benessere di chi ne è affetto.  Anche se si tratta di semplici cibi, sarà sempre meglio consultare il medico. Occorre, infatti, prendere in considerazione la presenza di altre patologie, l’assunzione eventuale di farmaci o altre terapie.

    Dott.ssa Graziella Palermo - nutrizionistagraziella@gmail.com  

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

    P1 effeviauto