• A3 coffe outlet
  • a3 scuola rotolo

La “ciocca” e “li puddicini”. Alla riscoperta di alcuni termini agricoli ormai desueti

di: Vito Marino - del 2019-08-09

Immagine articolo: La “ciocca” e “li puddicini”. Alla riscoperta di alcuni termini agricoli ormai desueti

Seguendo la legge della natura, la gallina diventa “ciocca” (chioccia) in media una volta l'anno, con una temperatura corporea che si alza sensibilmente; nel lontano passato, il padrone ne approfittava per farle covare le uova. A tale scopo metteva in una 'cartedda' (gerla) della paglia con sopra una ventina di 'ova di addu' (fecondate dal gallo), sopra vi sistemava la chioccia.

  • a7 fratelli clemente
  • Il numero delle uova doveva essere rigorosamente dispari; viceversa, secondo la credenza, la cova non avrebbe avuto buon esito. Come avveniva per la semina nei campi, anche per la cova si teneva conto del "fari e sfari di luna”. Si sosteneva, infatti, che le uova da covare si dovevano mettere sotto la chioccia all’inizio della luna crescente, altrimenti i pulcini nasceranno di salute cagionevole; mentre i pulcini nati nello 'sfari di luna' (luna calante) morivano. Se tutto riusciva bene, dopo 21 giorni, tutta la 'ciuccata' (chiocciata) usciva fuori del guscio. Purtroppo non tutte le uova 'abbiccavanu' (si schiudevano)!.

    'Abbiccari' deriva da beccare; infatti, i pulcini colpiscono col becco il guscio dell’uovo per potere uscire. Questo vocabolo era usato, impropriamente, anche nella terminologia agricola, per significare che una pianta, dopo essere stata trapiantata, “abbiccava” se metteva radici e proseguiva normalmente la sua fase vegetativa. Onde evitare che la chioccia uscisse fuori dalla gerla e facesse raffreddare le uova, vi si metteva sopra un 'crivu' (vaglio). Siccome in questo periodo la gallina si sentiva male e non mangiava, per nutrirla le si faceva ingoiare, anche con la forza, delle fave intere messe in acqua la sera prima; le fave venivano spinte, dall’esterno, con le mani, iniziando dal becco lungo l'esofago, fino a quando arrivavano nella “bozza” (gozzo).

    Finita la cova, l'animale 'sdiciuccava' (tornava normale); se ciò ritardava, il padrone la bagnava con acqua fredda per farle abbassare la temperatura. Un sistema molto ingegnoso adottato da un mio conoscente consisteva nel ficcarle nel buco del naso una penna della stessa gallina; essa, cercando di togliersela, stava impegnata tutto il giorno, dimenticandosi di andare di nuovo ad accovacciarsi. Nati e cresciuti i pulcini, per conoscere in anticipo se si trattava di galletto o gallina, si poteva seguire il consiglio del proverbio: “S’è gadduzzu, canta canta, s’è puddastra si muzzica l’ala” (S’e è galletto canta, se è pollastra si becca l’ala).

    Per chiudere l’argomento, voglio ora citare alcuni proverbi siciliani sulla gallina e sul gallo:

    - addinedda chi camina, porta la buzzaredda china

    - la addina fa l'ovu e a lu addu ci abbrucia lu culu

    - quannu canta lu addu fora l'ura, a canciari lu tempu 'un addimura

    - comu s'arridducìu lu addu di Sciacca: ad essiri pizzuliatu di la ciocca!

    - la addina vecchia fa lu bbonu broru

    - doppu morta, si spinna la addina

    - megghiu oggi l'ovu chi dumani la addina

    - lu bbonu addu canta a tutti banni

    - li puddicina vannu dunni va la addina

    - s'é gadduzzu canta canta, s'è puddastra si muzzica l'ala

    - peri di ciocca nun scafazza puddicini

    - picciotti e gaddini cacanu 'na casa

    - cu addu o senza addu Diu fa jornu

    - ogni addu canta a lu so addinaru

    - lu addu a cumannari e la addina a scaliari

    - lu addinaru va mali, quannu la addina canta e lu addu taci

    - la puddastra chi fa l'ova si chiama addina

    - la addina si spinna a pinna a pinna

    - du’ addi nta un puddaru nun ponnu stari 

    - rumpiri l'ova ‘nta lu panaru

    - essiri figghiu di la addina bianca

    - broru di addina e carni di adduzzu

    - ci n'era n'autru e lu scaccià la ciocca

    - pari la ciocca cu tutti li puddicina

    - a li picciriddi ci tocca parlari, quannu piscia la addina

    - si curca prestu comu li addini

    - si si la passa bbona la vicina, si la passa bbona la addina

    - addinedda tinta o bbona, a la Quaresima ti fa l’ova

    - la addina quannu canta ha fattu l’ovu

    - dunni la addina canta e lu addu taci, chista è la casa dunni nun c’è paci.

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

    p1 trer
    p1 catalanotto Natale